Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

I COMPLIMENTI

Petrucci: "Coppa premio per un progetto glorioso"


Petrucci: 'Coppa premio per un progetto glorioso'
21/05/2012, 18:05

«Faccio i complimenti al Napoli e a De Laurentiis, ma ieri la Coppa Italia l'ha vinta anche Roma». Con queste parole il presidente del Coni Gianni Petrucci, a margine della Giunta Coni, ha espresso la propria soddisfazione per la riuscita, senza incidenti, della finale Juventus-Napoli, disputatasi ieri sera all'Olimpico di Roma. «Ieri ha vinto anche Roma - ha ribadito il numero uno dello sport italiano -. L'organizzazione è stata straodinaria, ringrazio il prefetto Pecoraro, il questore Tagliente, il capo della Polizia Manganelli e la Coni Servizi. Con due organizzazioni di altissimo livello come la finale di Coppa tutta esaurita e la finale degli Internazionali di tennis tutta esaurita è stata una giornata da incorniciare». «Siamo grati a chi ha garantito la sicurezza», ha sottolineato Petrucci.

TELEGRAMMA AL NAPOLI - «Caro Presidente, a nome personale, e del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, ti esprimo le più sincere congratulazioni per la conquista della vostra quarta Coppa Italia, capace di premiare un'ambiziosa politica societaria, basata su investimenti mirati e su un’oculata programmazione nel nome del successo». Con queste parole il presidente del Coni Gianni Petrucci ha scritto ad Aurelio De Laurentiis per la vittoria della Coppa Italia. Attraverso un telegramma, Petrucci ha aggiunto che questo titolo «è la consacrazione di un progetto destinato a vivere nuove di pagine di gloria, giusta gratificazione per un gruppo di talenti plasmato da un tecnico brillante e diretto da una dirigenza preparata». Petrucci ha concluso chiedendo al presidente del Napoli di «estendere le felicitazioni di tutto lo sport italiano agli Atleti, ai Tecnici e all’intero staff che ha condotto la squadra a questa meritata vittoria alla quale ho avuto il piacere di assistere. L'occasione mi consente di augurarvi nuovi prestigiosi traguardi».

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©