Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

EL MATADOR

Piovono gol all'arena azzurra. Il Diavolo è domato


Piovono gol all'arena azzurra. Il Diavolo è domato
19/09/2011, 10:09

Maltempo su Napoli. Piovono gol a ripetizione nell'arena partenopea. Dal cielo azzurro, lì dove San Gennaro si è vestito della casacca ufficiale della sua squadra del cuore, piovono lacrime di gioia. Il Diavolo è stato ricacciato all'inferno con tre schiaffi, uno per ogni testa di Cerbero. E sul San Paolo, come sulla città intera, è il diluvio!

SEGNALI - E' la notte dei miracoli, sportivi e religiosi, a Fuorigrotta. Qualcuno lo sapeva, qualcun altro ci sperava. Poi c'è chi non parla di miracoli, ma di pura realtà. E quando si può toccare con mano il nuovo mito azzurro, si diventa un pò più credenti, ma meno avvezzi all'idea di soprannaturale. Ecco lì, in carne ed ossa, il nuovo idolo della città. Porta sulla maglia il numero 7, e per l'ennesima sera ha esaltato i colori azzurri. Tre gol di pregevole fattura. Mix di potenza e precisione chirurgica. El Matador, lo chiamano. Lo stesso nome utilizzato per chi nelle arene spagnole combatte il toro a piedi e lo uccide. Stavolta non c'erano tori in campo, ma Diavoli. A piedi li ha battuti, prendendoli (come per le bestie) per le corna!

DIFFERENZE - "Il cielo è azzurro perchè in Paradiso si tifa Napoli". I tifosi partenopei lo hanno sempre pensato. E, a Napoli, il Diavolo non può vincere. Almeno non quest'anno, che la storia è diversa. La differenza è diversa. Il Milan non fa più così paura. Gli azzurri si! Sono diversi rispetto allo scorso anno sul piano del gioco, ma soprattutto nella mentalità. Recuperare un gol di svantaggio contro i Campioni d'Italia e vincere la partita per 3-1 non è da tutti. E' così che si vince...non solo la singola partita. 

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©