Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Platini minaccia stop Champions a bilanci in rosso


Platini minaccia stop Champions a bilanci in rosso
02/02/2011, 16:02

Se c’è un punto su cui il Presidente della UEFA Michel Platini insiste da tempo è quello che riguarda il fair play finanziario. Ma di cosa si tratta, precisamente? Dovendola spiegare in pochi caratteri si potrebbe sintetizzare così: non spendere più di quanto si guadagna. In realtà il discorso è molto più ampio, e quanto detto pocanzi è solo il punto di partenza. Nei mesi scorsi Platini ha esposto dati che fanno rabbrividire, soprattutto in tempi di crisi: nel 2008 i 732 club europei di prima divisione hanno dichiarato 578 milioni di deficit, spendendo oltre 7,1 miliardi di euro in stipendi dei giocatori. Ecco allora l’idea di porre dei limiti, che ha poi preso forma e che è pronta a decollare. Non tutto e subito, però: l’obiettivo è quello del pareggio di bilancio entro il 2017, in un percorso che prevede tappe precise. Quanto accaduto negli ultimi giorni di mercato (le spese folli di alcune società, soprattutto in Inghilterra) ha però fatto letteralmente infuriare l’ex fuoriclasse della Juventus, che ora minaccia: "Tante big potrebbero non giocare la Champions 2013/2014". Nella prima fase del progetto (2011-2014), infatti, sarà consentito ai club un deficit massimo complessivo di 45 milioni di euro, da riparare con aumenti di capitale e donazioni (non con i prestiti, soprattutto nel caso dei club di Premier League, dove la formula particolare nella proprietà di alcune squadre rischia di provocarne il fallimento). A oggi Milan, Inter, Barcellona, Liverpool, Chelsea e Manchester City sarebbero escluse dalle coppe perchè non in linea con i parametri UEFA.

Le strade per arrivare ad un punto di accordo sono molte ma il G-14, composto dalle società più importanti del calcio europeo, potrebbe anche arrivare ad una rottura con la UEFA fondando una Lega privata. In attesa di sapere cosa accadrà la certezza è una: o i club si adeguano alle direttive, oppure ne vedremo delle belle.

Fonte: SoccerMagazine

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©