Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA GERMAN DENIS

"Poca pasta e tanti minuti: così sono rinato"


'Poca pasta e tanti minuti: così sono rinato'
23/09/2011, 12:09

German Denis, ex attaccante del Napoli, ora all’Atalanta, ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport:
"Mio figlio Matias, che martedì compie 9 anni, a Udine mi vedeva triste e ogni tanto mi chiedeva 'papà: ma perché non ti fanno giocare?'. Mercoledì sera era a casa che gioiva, impazzito davanti a quella rovesciata. Di chi è il merito di questo cambiamento? Dei minuti che gioco. Della fiducia che sento e della dieta a zona che faccio col dottor Romano di Brescia; ho praticamente tolto la pasta. Per il resto, sono sempre lo stesso, ma a Bergamo parto sempre titolare, gioco tutta la partita, a Udine non succedeva, ma non poteva succedere. Perché? Perché c'è Totò. Ma non è una colpa. Lui è da due anni il capocannoniere della serie A. Ma pure io sono una prima punta e non potevo fare il Sanchez. A chi devo tutto? A Marino, mi ha portato in Italia, al Napoli. Ha sempre creduto in me, anche se per Bergamo c'è stato pure il parere positivo di Colantuono. Però non potrei fare a meno di ringraziare Guidolin. Lui a Udine credeva davvero in me. Mi ha insegnato tantissime cose negli allenamenti e ora vedo che la squadra, dopo tante partenze, continua ad andar forte".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©