Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

SALVATORE ARONICA

"Pochi aggiusti per fare bene con continuità"


'Pochi aggiusti per fare bene con continuità'
08/06/2010, 13:06

Salvatore Aronica, difensore siciliano del Napoli, ai microfoni di Marte Sport Live ha parlato delle vacanze, del mister e dei suoi compagni inpegnati al mondiale. "Siamo stati a Mondello io e Paolo Cannavaro, che con tutti i dolci tipici che si è mangiato adesso rotola invece di camminare."
Cosa pensa Aronica del prolungamento del contratto di Mazzarri?
"Ha firmato per portare avanti un progetto serio che piace a lui e alla società. Hanno tutti e due voglia di fare qualcosa di bello con il Napoli. Conosco bene il mister, so cosa vuole. E' uno ambizioso che vuole arrivare e con una squadra ambiziosa potrà fare bene sicuro. Appena è arrivato a Napoli tutti i compagni mi chiedevano come lavorava, che tipo era. Poi tutti si sono accorti che è una persona che parla e da una opportunità a tutti, con cui si può dialogare senza problemi. Lui parla sempre con i giocatori prima che firmino un contratto. Anche a me, prima che firmassi con la Reggina, mi chiamò e mi disse se ero a disposizione del progetto, se ero disposto anche ad accettare la panchina. Lui protegge sempre il gruppo, vuole gente che lotti per il gruppo e accetti certe scelte senza problemi."
Mazzarri ha spostato Aronica, prima terzo di difesa, sulla fascia sinistra.
"Il mio ruolo prima era quello di difensore centrale, ma in nell'ultimo campionato ho giocato sempre sulla fascia. Io sono a disposizione per fare tutto. Se hai la fiducia dell'allenatore riesci a fare anche qualcosa in più di quello che è nelle tue capacità."
Il mercato del Napoli per adesso è fatto di tanti nomi apparsi per lo più sui giornali. "E ne usciranno ancora tanti altri sui giornali. Tra tutti gli attaccanti che ho incontrato Pazzini è il più difficile da marcare, lo vedrei bene con Lavezzi e Quagliarella. Noi comunque abbiamo una base solida ma con qualche piccolo inserimento potremmo essere competitivi sino alla fine del campionato e in tutte e tre le competizioni."
Infine un saluto ai suoi compagni impegnati al mondiali.
"Ho mandato un sms a De Sanctis che ha rosicato parecchio, quindi è meglio non dirlo. Comunque ha ragione il mister, vero, De Sanctis parla sempre, ma parla sempre di calcio. Al mister lo assilla, è un vero stress. Faccio un in bocca al lupo a tutti i giocatori del Napoli che giocheranno il mondiale, anche se alla fine spero che la figura migliore la facciano gli italiani. Spero che facciano bene e che tornino tutti con il morale alto. Ad Hamsik, in vista della sfida dell'Italia, gli ho detto di andare tranquillo che tanto sono già morti."

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©