Sport / Basket

Commenta Stampa

Pontano cede ad Airola


Pontano cede ad Airola
14/02/2010, 13:02

AIROLA: Santoro , Confessore 12, Petrucci 6, Canzano 11, Smorra 5, Auriemma 11, Loncareviç 2, Di Marzo 19, Del Vecchio 6. Coach Parrillo.


PONTANO NAPOLI: Davini 4, Notaro 9, Vullo 19, Artiaco, Traversa 2, Illiano 3, Orefice 2, Mele 16, Cervo 3, Maglione.
Coach Barbuto.


ARBITRI:C.Mottola di Taranto e A.Conte di Potenza.
PARZIALI: 19 – 10, 29 – 26, 51 – 37.


Terza sconfitta consecutiva per il Pontano Basket Napoli che cede il passo (72–58) alla più quotata Airola che centra così la sua terza vittoria di fila.
Si comincia con mani fredde da ambo le parti, ma il più preoccupato è coach Parrillo che dopo 2’ ricorre al primo time out della serata (2–3). Si riprende con il canestro da sotto di Canzano che apre il primo break della partita: 9–2 per l’11–5 beneventano al 5°. Il canestro di Traversa è un piccolo palliativo alle difficoltà dei partenopei che vedono il proprio gap ampliarsi d’altre 2 lunghezze al 7°: 15–7. Nel finale di quarto, dalla lunetta, Davini e Cervo limitano le perdite (19–10 al 10°). Nel secondo periodo, dopo alcuni possessi con retine immacolate, c’è il canestro da sotto di Confessore. A questo punto il quintetto ospite intensifica gli sforzi su ambo i lati del parquet. In attacco Vullo, Mele ed Illiano firmano il parziale del 21–18 al 13° (0–8). Nei minuti seguenti la situazione si capovolge. Sono i viaggianti a faticare in attacco, mentre i padroni di casa vanno a bersaglio con Di Marzo e Canzano (27–18 al 16°). Un allungo che non scalfisce le sicurezze del Pontano Bk Napoli che, nel finale di frazione, rientra trascinato da Vullo (2), Notaro (3) e Mele (3): 29–26 al 20°. Quest’ultimo riduce ulteriormente le distanze in avvio di terzo quarto (29–28 al 21°) prima del nuovo allungo dei caudini. E’ Confessore a fare la voce grossa (6) con il solo Vullo a rispondergli: 39–30 al 25°. Cervo e Mele gli vengono in soccorso nella seconda parte del periodo, ma lo stesso fanno Auriemma, Smorra e Di Marzo sull’altro versante con la conseguenza che il divario non scende mai sotto i 4 punti (41–37 del 27°) attestandosi sulla doppia cifra solo negli ultimi 2’: 51–37 al 30°. Mai, però, dare per sconfitti prima della sirena definitiva i biancocelesteblù che, in avvio d’ultimo quarto, provano a riaprire il confronto. La difesa è più serrata, ma soprattutto l’attacco è più prolifico: 12–6 per il 57–49 del 34°. Il tecnico dell’Airola ricorre ad una sospensione. Al rientro la situazione migliora: +11 al 37° (64–51). A questo punto è Barbuto ad interrompere il match per impartire nuove direttive ai suoi giocatori che, però, nel finale non riescono a riaprilo (72–58).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©