Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA CONFERMA

Pozzo: "Ho parlato col Napoli di Benatia e Armero"


Pozzo: 'Ho parlato col Napoli di Benatia e Armero'
05/07/2012, 15:07

Ai microfoni di Radio Goal è intervenuto il patron dell'Udinese, Giampaolo Pozzo:

"Con il Napoli dico che c'è buon feeling, c'è interesse nei confronti di qualche calciatore dell'Udinese, ma non posso dire di più. Con De Laurentiis, comunque, non è facile fare affari. Ci sono dei pour-parler non solo su Armero, ma anche su altri calciatori. Di concreto, non c'è assolutamente nulla. il rapporto con De Laurentiis è molto buono e amichevole, ma da questo aspetto umano a fare affari con lui non è semplice perchè è forte in queste cose. Ad ogni modo ammetto che abbiamo parlato di un trasferimento di Armero al Napoli. Ma una chiacchierata non equivale ad un interessamento reale: nei progetti di un club ci sono varie ipotesi".

"Benatia? E' uno dei difensori più forti in circolazione, ma non possiamo svuotare l'Udinese lasciando partire Benatia, Armero, Cuadrado o altri. Effettivamente, il Napoli sta lavorando bene e i fatti lo dimostrano. Gli azzurri cercano giocatori forti, pronti per affrontare il campionato con il piglio giusto e per raggiungere risultati ambiziosi. Con il Napoli, comunque, abbiamo parlato anche di Benatia. ma bisogna chiedere agli azzurri quanto interesse ci sia, se ne hanno o meno bisogno". 

"Insigne? E' un giovane promettente, sta facendo bene e potrebbe rientrare nella nostra filosofia. Noi partiamo dai giovani per farli maturare e crescere. Il contrario per noi non è possibile. Un giocatore affermato a Udine non torna, nonostante il fatto che cerchiamo di lavorare al massimo della professionalità. Quando un calciatore si è formato ed ha raggiunto una certa importanza sul piano delle capacità, se arriva un grande club sei in difficoltà. Se le cose a Udine riescono bene, il merito è dei nostri dirigenti e del nostro gruppo di lavoro, che è eccezionale e che sta facendo molto bene anche a livello internazionale".

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©