Sport / Calcio

Commenta Stampa

Pozzuoli Calcio, tante idee e programmi ambiziosi per la stagione


Pozzuoli Calcio, tante idee e programmi ambiziosi per la stagione
10/09/2012, 09:32

Continuità e rinnovamento. Sono queste le caratteristiche principali della filosofia societaria della Pozzuoli Calcio che s’appresta a vivere la sua seconda stagione agonistica. “La prima è stata esaltante, avvincente – esordisce il presidente Vincenzo PrebendaTante sono state le note positive, ma non nascondo che, a mente fredda, ne abbiamo individuate anche poche negative. Da queste siamo ripartiti, in questi mesi di silenzio solo apparente. Sotto traccia abbiamo lavorato alacremente per ripresentarci ai nostri tifosi e non solo con rinnovato entusiasmo, nuove e stuzzicanti idee per far parlare di noi sul piano sportivo e sociale. Il calcio è uno sport, ma deve essere anche divertimento, un momento d’incontro, svago, coesione. Queste sono le finalità che vogliamo ulteriormente divulgare e per far ciò abbiamo deciso d’integrare il nostro organigramma con nuove figure. Ringrazio anche pubblicamente tutti coloro che hanno deciso di collaborare con noi, ma soprattutto quanti lo hanno fatto nel primo campionato. In particolare mi riferisco al presidente onorario Rocco Fittipaldi che ci ha permesso di far partire questo progetto e a Antimo Civero che continuerà ad essere il nostro commercialista di fiducia”. Un restyling improntato sulla stabilità dinamica. Alcune persone entrano, altri cambiano mansione. Luigi Alborino è il nuovo dirigente accompagnatore e lavorerà a stretto contatto con Mario Stefanelli che, smessi i panni di difensore, indossa quelli di collaboratore della gestione sportiva dopo aver brillantemente superato il corso federale. Al suo fianco avrà papà Luigi che, dopo un’annata da allenatore, garantirà la sua esperienza in qualità di team manager. Nei prossimi giorni sarà individuato il nuovo tecnico. Dal ritiro di fine settembre, a contribuire alla preparazione della squadra ci sarà anche un preparatore atletico. Dopo la collaborazione con il Coni, il dr Valerio Esposito (laureto in Scienze Motorie all’Università Partenope) ha accettato di vivere questa nuova esperienza. Recentemente ha già conosciuto alcuni degli atleti. Infatti una buona parte della rosa 2011/12 è stata confermata. “Da matricola assoluta abbiamo disputato un buon campionato (5 pareggi e ben 11 vittorie tra cui quella interna con la Rinascita Aminei, unica sconfitta per la capolista) – ricorda Stefanelli – Era quindi naturale tanti componenti di quella formazione che, prima di tutto, era un gruppo molto unito, coeso. A quella base abbiamo aggiunto già alcune pedine importanti come Marco Ilardo (trequartista con trascorsi nell’Avellino), Giovanni Vitale (centrocampista con un passato nella Puteolana 1909) e Stefano Lucignano (ala sinistra, prodotto nel settore giovanile del Monteruscello Calcio). Abbiamo monitorato altri 10 giocatori, ma la scelta spetterà al tecnico”. L’obiettivo è avere un organico ampio, ma soprattutto competitivo perché i programmi sono ambiziosi. “Vogliamo vincere la 3° categoria – afferma chiaramente il presidente – Posso rivelare che stiamo valutando seriamente anche la possibilità di presentare la domanda d’ammissione in seconda. Abbiamo ancora circa 20 giorni di riflessione. Sarebbe un giusto premio per i sacrifici fatti da tutti noi, dai partner che ci sono sempre vicini e per gli splendidi tifosi coordinati da Marco Carotenuto. Tra le mura amiche siamo stati seguiti da minimo 100 spettatori con picchi anche superiori alle 200 presenze per alcune partite importanti. Purtroppo per tutti loro non giocheremo più nella nostra città. Siamo costretti ad emigrare perché non abbiamo ricevuto collaborazione dalle istituzioni, ma andiamo avanti e nella sfortuna abbiamo individuato un ottima struttura nel Complesso sportivo Liternum di via Ripuaria a Varcaturo affidato in gestione alla società SAS 10 (campo in erba naturale) che ci ospiterà sin dal raduno”. Saranno costretti, quindi, ad una piccola trasferta i numerosi fan dei biancorossi. Supporters che seguono questo club anche grazie alla tecnologia. Sul profilo facebook ufficiale sono state realizzate diverse dirette testuali delle gare. E’ stata positivamente eseguita anche qualche diretta video. Leggermente meno curato il sito internet ufficiale che presto sarà profondamente rinnovato. La comunicazione è un altro settore su cui la proprietà sta investendo molto. Tutte queste idee saranno mantenute ed altre saranno introdotte. E’ da subito operativo il nuovo ufficio stampa coordinato dal giornalista Andrea Di Natale che, dopo le diverse medesime esperienze nel basket, si cimenta con il calcio, il suo primissimo amore sportivo.

UN PIZZICO DI STORIA. L’asd Pozzuoli Calcio nasce ufficialmente il 1° luglio 2011 con l’affiliazione alla Figc, ma l’idea di costituire una società sportiva era già stata pianificata da mesi. I fondatori di questa compagine sono tre giovani: Vincenzo Prebenda (con trascorsi nel Monteruscello calcio), Mario Stefanelli (ha militato nella juniores dell’El Brazil, l’attuale Sibilla Bacoli) e Giuseppe Tella (arbitro federale). Amici accomunati anche dalla passione per il pallone che vogliono divertirsi, ma impegnandosi seriamente per scalare le categorie, avvicinare sempre più persone a questa disciplina, valorizzare il territorio. Sport e sociale per un club che, ad aprile 2011 contava già 24 giocatori che si preparavano alla prima stagione agonistica disputando amichevoli con le formazioni dell’hinterland. A guidarli dalla panchina mister Luigi Stefanelli (già allenatore al Monteruscello ed alla scuola calcio Enzo Zazzaro di Quarto). A metà novembre il debutto in III categoria con una rosa di 25 tesserati cui ne sono stati aggiunti altri nel corso di un campionato vissuto intensamente. A giugno il bilancio è ampiamente positivo: 11 successi (tra cui quello prestigioso con la capolista Rinascita Aminei), 5 pareggi e 10 sconfitte. Si sommano, poi, l’inserimento, da gennaio, nel database ufficiale del gioco Football Manager e la vittoria del concorso Share and Win del Corriere del Mezzogiorno. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©