Sport / Basket

Commenta Stampa

Pozzuoli cede all'over time contro Reggio Calabria


Pozzuoli cede all'over time contro Reggio Calabria
17/01/2010, 11:01

REGGIO CALABRIA - POZZUOLI – REGGIO 63 – 66.

CENTRO SERAPIDE POZZUOLI: Di Costanzo ne, Innocente 11, Barbieri ne, Di Napoli 12, Regio 7, Velocci 4, Marangoni 19, Andrè ne, Errico , Porta 10.
Coach Pepe.

REGGIO CALABRIA: Dip 12, Di Lembo 5, Niccolai 12, Pellegrino ne, Roselli 4, Negri 19, Manzotti ne, Scozzaro ne, Grasso 6, Dalla Vecchia 8.
Coach Bianchi.

ARBITRI: Luca Fimiani e Giovanni Roca di Avellino.
PARZIALI: 20 – 12, 32 – 32, 42 – 47, 60 – 60.
tecnico a Niccolai nel 4° periodo.

Ancora una sconfitta interna all’over time per il Centro Serapide. Dopo Potenza è la Viola Reggio Calabria a beffare nel supplementare Pozzuoli (privo di Scorrano infortunato) (63–66) che a pochi secondi dal 40° aveva avuto il possesso del +4.
Buon impatto difensivo dei gialloblù che recuperano alcuni palloni e sporcano le percentuali realizzative dei contendenti. Le proprie sono positive, anche se in costanti, ma sufficienti per trovare il +6 al 6° (12–6) e costringere coach Bianchi al time out. Al rientro non decollano le percentuali degli ospiti per il buon lavoro dei padroni di casa che, con Di Napoli (7 punti) ampliano di 2 lunghezze il vantaggio (20–12 al 10°).
Dopo poco più di 1’ Di Lembo apre le marcature per i viaggianti che segnano di più e difendono con più aggressività. Pur con maggiori difficoltà i campani riescono a muovere il proprio punteggio con Marangoni, Innocente ed il giovane Regio (26–23 al 15°). Entrambi gli allenatori pescano tanto dalla panchina, con Pepe che ottiene risposte confortanti anche da Velocci. Il periodo si mantiene avvincente con realizzazioni su ambo i fronti. Lenta, ma costante la rimonta dei neroarancio che impattano a 40” dall’intervallo con il personale di Negri (32–32).
Con il primo canestro della terza frazione i reggini passano in vantaggio e vi restano fino all’intervallo, ma sempre con margini non superiori ai 5 punti. Entrambi le formazioni lavorano bene a tratti in difesa recuperando alcuni palloni, sporcando le percentuali altrui, mentre in altri frangenti concedono spazio alle bocche da fuoco avverse (Dip e Roselli 4, Marangoni 5): 42–47 al 30°.
In avvio d’ultimo quarto, grande impatto difensivo dei partenopei che non concedono punti e rimbalzi offensivi alla Viola. Sull’altro lato del parquet vanno a bersaglio con 4/5 del quintetto: 51–47 al 33°. La sospensione voluta dal coach dei reggini spegne per qualche possesso l’attacco del Centro Serapide raggiunto al 35° dal gioco da 3 di Negri (51–51). Si gioca sul filo dell’equilibrio, con la voglia, il cuore e la tecnica. Sugli scudi in fase realizzativa Negri e Marangoni (5 a testa) per il 60–58 a 26” dalla sirena quando il tecnico calabrese chiede un time out per orchestrare l’ultimo possesso. A bersaglio Grasso (60–60 al 40°).
Nell’over time subito a segno Dip, poi anche Negri: 60–64 del 43° complice la laboriosità delle manovre dei flegrei. Questi ultimi ci credono ancor più dopo il 63–64 firmato da Porta al 44°. Ma c’è Negri a spegnere le loro speranze con il canestro del definitivo 63–66.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©