Sport / Calcio

Commenta Stampa

Dopo la protesta di Conte

Prandelli: "Chiellini? Avevo il diritto di convocarlo"


Cesare Prandelli
Cesare Prandelli
03/03/2014, 17:13

COVERCIANO - Ci eravamo lasciati con un non poco eloquente "Mi aspettavo almeno una mezza chiamata da Prandelli per chiedermi: «Stupido, come sta Giorgio?». Lo trovo poco garbato e poco educato. Chiellini da tre settimane non gioca, vederlo convocato mi dispiace e mi rammarica". Pronta la risposta di Cesare Prandelli, che ha dichiarato: "In questi anni abbiamo avuto un rapporto con tutti gli allenatori improntato alla massima disponibilità e reperibilità. I nostri medici sentono sistematicamente i medici delle squadre e a tutti gli allenatori ho sempre detto che se un giocatore è in campo o in panchina ho il diritto di convocarlo. Così è stato con De Sciglio, così non è stato con Balotelli, che non era in panchina". Pur facendo i complimenti a Conte per la Panchina d'Oro ("avrei votato per lui, sta dimostrando capacità straordinarie nel rimotivare e stimolare i giocatori"), l'allenatore azzurro risponde a tono alle lamentele del tecnico bianconero sulla convocazione di Chiellini per l'amichevole con la Spagna di mercoledì. "Giorgio ha dato la sua disponibilità per esserci in questa trasferta. Ieri sera, alle 23.22, il medico della Juve ci ha mandato un messaggio nel quale ci diceva che Chiellini, come tutti gli altri convocati bianconeri, stava bene e aveva anche sostenuto il riscaldamento - ha aggiunto Prandelli - la Juve si aspettava una mia telefonata? Marotta sa che se ci sono problemi mi può chiamare. Anche io mi aspettavo una telefonata da loro".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©