Sport / Calcio

Commenta Stampa

Parla il ct azzurro

Prandelli: "Meglio evitare la Germania"


Prandelli: 'Meglio evitare la Germania'
03/12/2013, 18:16

ROMA - Mancano pochi giorni al sorteggio relativo ai Mondiali della prossima estate, e il rischio di incrociare squadre con tasso tecnico alto è elevato. Sui possibili scontri si è espresso Cesare Prandelli: "Brasile, Spagna, Germania, Argentina sono le squadre più forti, poi al Mondiale ci sono anche nazionali che non sono così forti, ma possono diventarlo. Ci saranno molte sorprese, come il Belgio, come la Colombia, ci sono dieci squadre che potenzialmente sono fortissime. La cosa che mi disturba è che si dà per scontato che con certi avversari bisogna vincere facile, senza subire, perchè siamo l'Italia: noi siamo una buona squadra che può diventare fortissima a patto di arrivare preparata, a quel punto possiamo essere più forti delle squadre più forti del mondo". Le parole del ct arrivano dall'incontro con i giornalisti che si è svolto oggi presso l'Associazione della stampa estera a Roma. Poche chiacchiere, secondo l'allenatore azzurro la squadra da evitare in blocco è la Germania. Per tradizione - osserva secondo quanto riportato dal sito della Federcalcio - nei gironi difficili arriviamo preparati. Al contrario, se il girone è facile troviamo delle difficoltà, è la nostra storia. Preferisco un girone forte, poi ce la giocheremo. Quello che mi auguro è di non trovare subito la Germania, ho parlato di un girone forte ma non fortissimo. Meglio Italia-Germania in finale? Ci metterei la firma. La Germania e' un esempio per tutte le nazionali che hanno voglia di cambiare, sperimentare e stare al passo con i tempi. Da otto anni a questa parte sta dimostrando che, attraverso la programmazione, e' riuscita ad amalgamare i nuovi con la tradizione e tutte le nazioni stanno andando in quella direzione. Noi facciamo ancora fatica, ma quando arriveremo saremo una delle squadre più forti al mondo. In questo momento dobbiamo cercare di contrastare le nazionali più forti: certe volte ci riusciamo perchè arriviamo preparati, non con l'idea di trovare facile territorio ma di conquistarlo". Secondo gli addetti ai lavori Prandelli avrebbe già in mente la squadra, ma ora come ora pensarci è impossibile e inutile. Piuttosto, il ct pone l'attenzione su un problema in partioclare: il caldo.  Prandelli propone di introdurre due timeout durante ciascuna partita dei Mondiali, in modo di consentire ai giocatori di dissetarsi. "Avremo due problemi grandi in Brasile, in certe città il caldo e l'umidità sono preoccupanti e lo abbiamo provato durante la Confederations Cup. Se vogliamo dare uno spettacolo al mondo, dobbiamo dare la possibilita' ai giocatori di dare spettacolo. Io vorrei proporre di fare due timeout per fare dissetare i giocatori. La Fifa aveva messo borracce vicino alle porte, se guardate le immagini prima dei calci d'angolo erano tutti lì che bevevano. Si rischia di buttare la palla in corner per bere. Forse era meglio fermare due minuti e consentire ai giocatori di dissetarsi. Non mi è mai capitato che 8 giocatori su 11 mi chiedessero il cambio durante la partita: e quando ti manca l'acqua, c'e' il rischio di un calo di concentrazione".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati