Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

ESCLUSIVA

"Prevedo un grande Campagnaro, vuole i mondiali"


'Prevedo un grande Campagnaro, vuole i mondiali'
18/03/2010, 15:03

“Campagnaro è felice di essere a Napoli, è una realtà importante e una piazza nella quale si vive bene anche perché qualche somiglianza con Buenos Aires c’è, si è inserito molto bene in squadra sia con i compagni argentini e sudamericani che con gli altri”.
Questo il racconto del momento del giocatore da parte del suo procuratore Camarlinghi ai microfoni di Pensiero Azzurro. “E’ dai tempi di Maradona che c’è questo perfetto connubio tra il Napoli e gli argentini”.
Campagnaro è arrivato ed è immediatamente diventato uno dei leader della difesa azzurra con ottime prestazioni, ora attraversa un momento non brillante insieme a tutta la squadra, ma sta bene, è in condizione e sono sicuro che nelle prossime tre partite (Milan, Juve e Catania n.d.r.) farà tre grandi prestazioni non solo per il Napoli che è la sua squadra e che ama, ma anche per i Mondiali – sottolinea l’agente - Lui ci crede, è giusto che sia così come fa ogni giocatore. E’ un sogno”.
Si parla di Argentina, ma chissà che un’occhiata non la dia anche Lippi. Campagnaro ha il doppio passaporto e non avendo ricevuto chiamate può ancora scegliere. Lui sembra pronto e vuole dare il massimo per raggiungere questo ambito traguardo. Facile, quindi, immaginarsi un finale di stagione dai grandi numeri per toccare con mano la Nazionale.
Tornando al momento complicato che attraversa il Napoli “non credo sia un calo fisico – evidenzia Camarlinghi – perché contro la Fiorentina ho visto un buon Napoli. Per 70’ minuti ha fatto meglio degli avversari, poi il mancato rigore ed espulsione hanno fatto si che una squadra calasse e l’altra prendesse fiducia. Nel calcio è anche questione di episodi e per ora credo che la flessione degli azzurri sia dovuta solo ad una serie di coincidenze. Il Napoli è vivo, non mi pare in debito di ossigeno”.
Lo spogliatoio crede nell’Europa?: “Si, ovviamente non significa Champions. De Laurentiis ha costruito una rosa per raggiungere l’Europa acquistando campioni non solo come Campagnaro, ma Zuniga, Cigarini, Dossena, Quagliarella, De Sanctis…Peccato per l’anno difficile di Santacroce”.
Domenica c’è la sfida con il Milan come si batte?: “Il Napoli deve fare il Npoli. E’ vero che ci sono giocatori come Ronaldinho, Pirlo e compagni, ma dall’altra pate ci sono Quagliarella, Lavezzi, Hamsik che non mi sembrano tanto inferiori”.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©