Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA MAZZARRI

"Prima la Champions diretta, poi il futuro"


'Prima la Champions diretta, poi il futuro'
14/05/2011, 13:05

Alla vigilia della decisiva sfida con l'Inter che può valere la Champions senza preliminari, Walter Mazzarri, ha rilasciato alcune dichiarazioni nella conferenza stampa pre partita da Castelvolturno.
"Con il Lecce, abbiamo perso un'occasione importante. Dobbiamo però ricordarci che nessuno si aspettava che la squadra potesse arrivare così in alto. Mi auguro di poter centrare il traguardo davanti alla nostra gente. Con l'Inter sarà una partita fondamentale, ma per fortuna non è l'ultima. In questa stagione abbiamo giocato tantissime partite tra campionato e coppa un pò di stanchezza ci sta, ma credo sia una stanchezza più mentale e psicologica che fisica. Basta poco nel calcio moderno per perdere dei punti, avevamo tanto vantaggio sulla quarta e ci siamo rilassati. Sono certe che se la pressione non ci tirerà brutti scherzi, contro l'Inter riusciremo a fare una grande partita."
De Laurentiis ha detto che con Mazzarri si sente un botte di ferro.
"Lo ringrazio, così come ringrazio i tifosi, hanno capito che al di là di tutto, il Napoli viene prima di ogni altra cosa. Tutto il resto non deve interessare, godiamoci questa annata da incorniciare. E’ una cavalcata che dura da due stagioni e ci può essere un’occasione bella per esultare tutti insieme."
De Laurentiis è pronto a tagliarsi la barba se il Napoli va in Champions. Mazzarri invece?
"In tanti mi hanno detto smetti di fumare, ma non ci riesco. Ho fatto altri voti, ma non li dico a nessuno."
Il futuro di Mazzarri è ancora incerto.
"Dobbiamo essere concentrati solo sulla partita, a fine campionato ci riuniremo con la società e ne parleremo. Ho sempre detto che avrei fatto così."
Ottimo il rapporto tra Mazzarri e Leonardo, l'allenatore dei nerazzurri.
"E' un grande uomo, è la persona giusta per l’Inter. E' riuscito a compattare lo spogliatoio. Ci sono stati dei passaggi a vuoto ma questi capitano a tutti gli allenatori."
Lavezzi ha parlato di rimpianto scudetto.
"Eravamo lì e ci abbiamo provato. Ci dispiace non esserci arrivati, abbiamo dentro di noi questo principio di arrivare sempre più in alto. E’ sintomo della nostra mentalità, ma non dimentichiamoci che il sogno dei sogni è la Champions. Ci siamo arrivati. Per ora siamo nella porta secondaria, adesso proviamo ad entrare nella porta principale."
Contro l'Inter mancheranno Mascara e Cavani.
"Posso far giocare Zuniga nel tridente offensivo oppure mettere un centrocampista in più e lasciare completa liberà di agire a Hamsik e Lavezzi. Contro l'Inter sarà una sfida storica, il Napoli torna in Champions dopo 21 anni e sarebbe bello festeggiare con tutta la gente del San Paolo. Sul futuro c'è un pò di incertezza, ma sono cose che capitano. Gli allenatori sicuri del proprio posto sono pochi e i contratti ormai si cambiano a seconda dell'evoluzione dei percorsi di squadra e allenatore."

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©