Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Primo test a Portimao per il BMW Motorrad Italia Superbike Team


Primo test a Portimao per il BMW Motorrad Italia Superbike Team
19/12/2010, 18:12

Portimao. Il circuito portoghese di Portimao - sede di una delle prove del Campionato Mondiale - è stato teatro del debutto del BMW Motorrad Italia Superbike Team con le moto che correranno nel 2011 nella massima categoria delle derivate di serie.

La formazione, guidata da Serafino Foti, come è noto, schiererà il due volte campione del mondiale della Superbike, James Toseland, e Ayrton Badovini, vincitore della FIM Cup Superstock 2010 con il team di BMW Motorrad Italia.
I due sono saliti per la prima volta sulle moto allestite a tempo di record in Italia, con la collaborazione della Casa madre, e la due giorni di test è servita a verificare le scelte tecniche effettuate dalla squadra nella distribuzione dei pesi e nella regolazione delle sospensioni, oltre che nelle diverse mappature dell'elettronica.
I piloti si sono dedicati anche all'adattamento delle moto al proprio stile di guida, coprendo numerosi giri che hanno permesso loro di fornire importanti indicazioni ai tecnici che, tornati in Italia, provvederanno alle modifiche in vista dei test collettivi in programma, sempre sul circuito di Portimao, a fine gennaio.
Per difendere la FIM Cup Superstock conquistata nel 2010, BMW Motorrad Italia ha scelto un giovane come Lorenzo Zanetti che parteciperà al Campionato 2011 e che ha girato anche lui sul circuito portoghese.


Serafino Foti, team manager del BMW Motorrad Italia Superbike team, ha dichiarato: "Abbiamo cominciato a lavorare sulla moto solo un mese e mezzo fa ed abbiamo fatto un grosso sforzo per essere pronti al test di Portimao. Siamo abbastanza soddisfatti della risposta della moto che evidentemente è ancora da sgrossare visto che è stata messa in pista per la prima volta in Portogallo. La pista a causa del nubifragio di giovedì 9 era molto sporca ma a noi serviva percorrere chilometri senza tenere gran conto dei tempi".


"Il "pacchetto" è molto buono - ha detto James Toseland -. Il motore ha una buona potenza e stiamo lavorando per ottenere un’erogazione più omogenea. Il punto di forza della moto mi sembra la ciclistica che fornisce un'ottima risposta nei cambi di direzione. Ci siamo occupati del set up delle sospensioni, della distribuzione dei pesi e la moto risponde molto bene alle modifiche. Dobbiamo, comunque, lavorare per mettere a punto l'insieme. Il team poi è fantastico e molti uomini sono gli stessi con i quali abbiamo vinto il titolo nel 2004".


"Mi ha impressionato la professionalità della squadra, che peraltro era già nota - ha detto Ayrton Badovini -. La moto è costruita bene ma, ovviamente, è da affinare. Abbiamo già visto dei particolari sui quali intervenire e sono sicuro che nella seconda uscita a fine gennaio le cose andranno ancora meglio".



Il BMW Group

Il BMW Group, con i marchi BMW, MINI e Rolls-Royce, è uno dei costruttori di automobili e motociclette di maggior successo nel mondo. Essendo un’azienda globale, il BMW Group dispone di 24 stabilimenti di produzione dislocati in 13 paesi e di una rete di vendita diffusa in più di 140 nazioni.

Il BMW Group ha raggiunto nel 2009 un volume di vendita di oltre 1,29 milioni di automobili e 87.000 motociclette. Il fatturato dello scorso anno è stato di 50,68 miliardi di Euro. La forza lavoro del BMW Group al 31 dicembre 2009 era di circa 96.000 associati.

Il successo del BMW Group è fondato su una visione responsabile e di lungo periodo. Per questo motivo, l’azienda ha sempre adottato una filosofia fondata sulla eco-compatibilità e sulla sostenibilità all’interno dell’intera catena di valore, includendo la responsabilità sui prodotti e un chiaro impegno nell’utilizzo responsabile delle risorse. In virtù di questo impegno, negli ultimi sei anni, il BMW Group è stato riconosciuto come leader di settore nel Dow Jones Sustainability Index

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©