Sport / Vari

Commenta Stampa

PROCESSO GEA, CONDANNATI LUCIANO E ALESSANDRO MOGGI, MA SENZA CONSEGUENZE: REATI COPERTI DA INDULTO


PROCESSO GEA, CONDANNATI LUCIANO E ALESSANDRO MOGGI, MA SENZA CONSEGUENZE: REATI COPERTI DA INDULTO
08/01/2009, 15:01

Il processo alla Gea World, la società che, a partire dal 2001 e fino alla cosiddetta "calciopoli", ha gestito le procure di numerosi calciatori di serie A e B, si è concluso con la condanna a un anno e sei mesi per l'ex direttore generale della Juventus, Luciano Moggi, e a un anno e due mesi per il figlio Alessandro. Ma non ci sarà nessuna conseguenza pratica per le loro condanne: i fatti per i quali sono stati condannati risalgono infatti ad un'epoca precedente al maggio 2006 e, pertanto, sono coperti da indulto. Nel condannare i due principali imputati, il collegio presieduto da Luigi Fiasconaro ha disposto la sospensione della pena per entrambi gli imputati. Assolti Davide Lippi e gli altri tre imputati del procedimento, Franco Zavaglia, Pasquale Gallo e Francesco Ceravolo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©