Sport / Vari

Commenta Stampa

Progetto Nippon per i ragazzi bisognosi di Ponticelli


Progetto Nippon per i ragazzi bisognosi di Ponticelli
25/03/2009, 08:03

Lo sport non è solo agonismo o voglia di successo, ma è soprattutto un veicolo educativo fondamentale, in grado di fornire a chi lo pratica gli strumenti non solo per migliorare la propria salute, ma anche il proprio inserimento nella società. L’associazione sportiva Nippon, che opera da oltre quindici anni, conosce bene le virtù dello sport, ed ha avviato un progetto educativo gratuito che vede coinvolti i giovani studenti delle scuole O. Bordiga, Borsi e Prota Giurleo, per offrire loro una possibilità di riscatto sociale. “La Nippon – spiega il presidente Raffaele Parlati - nasce quindici anni fa, ed opera prevalentemente sul territorio del quartiere Ponticelli di Napoli. L’importanza della pratica sportiva  è un fattore di crescita umana e sociale riconosciuto da tutte le istituzioni scientifiche. Il nostro progetto di educazione motoria mira a  realizzare un avviamento allo sport degli alunni, attraverso le arti marziali e la danza. Le arti marziali sono attività che oltre ad essere fisicamente giovevoli, soddisfano il bisogno di associazionismo, grazie all’appartenenza ad un gruppo di lavoro che opera per la salute fisica, e nel contempo instilla il rispetto per le persone e le regole. I suoi fondamenti hanno rappresentato per la storia umana, una garanzia di sopravvivenza e miglioramento fisico. Ad arricchire la nostra proposta è stata inserita la danza nelle sue diverse espressioni (classica,moderna,hip hop), in quanto disciplina dall’alto valore educativo e culturale.Vogliamo suscitare interesse e consolidare nei giovani la consuetudine all’attività sportiva che ha un ruolo fondamentale nel loro processo di crescita sociale e culturale. Credo che lo sport sia uno strumento valido per costruire risposte didattico - metodologiche alla dispersione scolastica ed all’evasione, creando le condizioni per la promozione del successo formativo”.

Commenta Stampa
di Alfredo di Costanzo
Riproduzione riservata ©