Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA HAMSIK

"PSG? Follia, resto a Napoli per vincere"


'PSG? Follia, resto a Napoli per vincere'
04/09/2011, 16:09

L'azzurro Marek Hamsik, in questi giorni in ritiro con la sua nazionale in vista delle sfide per le qualificazioni all'Europeo, ha rilasciato una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport.
"Non ho intenzione di andare al PSG, è una follia. Il calciomercato si è appena chiuso, e subito si ricomincia a parlare di trattative. Io non mi muovo, né a gennaio, né dopo. A Napoli sono felice e con il Napoli voglio vincere."
Dopo il mercato il Napoli viene considerato la prima rivale di Milan e Inter.
"Il presidente ha condotto una campagna acquisti fantastica, non ha sbagliato un solo colpo. Siamo sicuramente più forti rispetto allo scorso campionato. Giocatori come Inler, Pandev, Britos, Dzemaili garantiscono un salto di qualità in tutti i reparti. Fosse per me, vieterei di pronunciare la parola scudetto. Sarebbe un grave errore iniziare il campionato con questa pressione sulle spalle. Lasciamo che parlino di scudetto Inter e Milan. Loro sono abituati, hanno vinto tanti titoli. Questa parola non lascia traccia nella testa dei giocatori e dentro lo spogliatoio. Noi, invece, dobbiamo ancora trovare certi equilibri. Anche mentali."
Il Napoli, però, ha le carte in regola per vincere il titolo.
"Lo ripeto, siamo più forti, più completi. La Champions League ci aiuterà a crescere anche a livello internazionale. Però rimandiamo questo argomento alle ultime giornate di campionato. Se ci troveremo in testa, allora nessuna parola sarà più vietata. Ma il calcio insegna che non è mai facile ripetersi dopo una stagione fantastica. La passione dei nostri tifosi è una spinta in più. Loro hanno il diritto di sognare senza limiti. Penso con emozione al San Paolo nelle notti di Champions."
C’era grande allarme sulle sue condizioni fisiche.
"Avete visto Irlanda-Slovacchia: sembro uno che ha dei problemi fisici? Il Napoli stia tranquillo. Non vedo l’ora di iniziare il campionato e di essere subito protagonista".

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©