Sport / Pugilato

Commenta Stampa

Pugilato, successo della tappa casertana delle World series


Pugilato, successo della tappa casertana delle World series
05/12/2011, 09:12

I quasi tremila spettatori presenti ieri sera al Palamaggiò di Caserta per la terza tappa del girone di qualificazione ai quarti di finale delle World series di pugilato, sono un ideale trampolino di lancio per candidare la struttura di Terra di Lavoro ad ospitare anche un turno di eliminatorie dirette in vista della finale. È quanto si augura un raggiante Luciano Cotena, responsabile della società Eventualmente e organizzatore locale della tappa casertana che ha visto il Dolce & Gabbana Milano Thunder rifilare un sonoro cappotto (5-0) all’Astana Arlans, lo scorso anno finalista delle World series. Tanti tifosi della provincia di Caserta e di Napoli sono la testimonianza che i campioni schierati dal tecnico Francesco Damiani e che rappresenteranno l’Italia anche alle Olimpiadi di Londra il prossimo anno, hanno un folto seguito. Seguito che potrebbe dare la spinta verso il traguardo della finalissima dell’edizione 2011-2012 delle Wsb.

“È stato entusiasmante – afferma Cotena – vedere tanta gente presente al Palamaggiò, con i tifosi che hanno dato grande carica ai beniamini di casa, i marcianisani Domenico Valentino e Clemente Russo e il casoriano Vincenzo Picardi, ma anche ai pugili stranieri, tutti in grado di dare il meglio e di contribuire al rotondo successo finale del Dolce & Gabbana Milano Thunder. Crediamo che con questa affermazione in termini organizzativi e di pubblico, possiamo candidarci ad ospitare anche un turno di eliminatorie diverse. Noi siamo pronti e anche i complimenti ricevuti dai responsabili di Milano Thunder sono un utile viatico per affrontare un’eventuale prossima sfida organizzativa, sempre con il sostegno delle istituzioni e in particolare del presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi”.

In fondo non è un mistero che già lo scorso anno i pugili casertani e in particolare il capitano, Clemente Russo, avevano espresso il desiderio di poter disputare l’incontro di semifinale a Caserta: “Poi il nostro cammino come squadra si fermò ai quarti – ammette Russo – e non potemmo venire al Palamaggiò per giocarci l’accesso alla finalissima. Per evitare problemi abbiamo allora deciso di accettare di combattere a Caserta già nel turno di qualificazione, con la speranza ovviamente di poterci tornare più avanti”.

I gruppi di qualificazione si concluderanno a febbraio. Da marzo previsti i quarti, con turni di andata e ritorno, così come per le semifinali (in programma il 23 e 24 marzo e il 30 e 31 marzo). La finale di squadra è programmata per il 27 e 28 aprile, quelle individuali a fine maggio (25 e 26).



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©