Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

"Quagliarella era importante, scelte societarie.."


'Quagliarella era importante, scelte societarie..'
23/11/2010, 16:11

L'allenatore del Napoli Walter Mazzarri a tutto campo nella lunga intervista apparsa quest'oggi sul Corriere dello Sport. Ecco quanto riportato da Pensieroazzurro.com: "Quagliarella era un giocatore importante, è sempre stato impiegato. Quando è stato preso Cavani, credevo che i quattro davanti formassero un reparto in grado di integrarsi a vicenda. Le scelte societarie non sta a me giudicarle. A me interessano che i giocatori che rimangono siano pienamente motivati, che sposino la mia mentalità". Sulle favorite per la vittoria del campionato, Mazzarri esprime il suo personalissimo criterio: "Per me le pretendenti al titolo si valutano in base al loro tetto ingaggi. In questo senso, includerei Fiorentina, che non ha le coppe, e Genoa, che ha speso molto. Poi non ci poniamo limiti. Anche un'outsider potrebbe vincere il campionato, sarebbe bello. La tattica fa la differenza, molte squadre non hanno identità di gioco ma solo campioni". Anche i giovani, invece, possono essere importanti: "Per questo la primavera del Napoli si allena come la prima squadra, nel campo accanto al nostro. Allenarsi davanti ai campioni aiuta. Il mio idolo era Antognoni, avevo il suo poster in camera. Quando mi hanno paragonato a lui, però, ne ho risentito in negativo. Avevo bisogno di un allenatore che mi consigliasse di rincorrere l'avversario. Per questo voglio dare sempre ottimi suggerimenti ai miei ragazzi, perchè ricordo la mia esperienza personale. Gli effetti su giocatori come Pazienza sono già riscontrabili".

Commenta Stampa
di Davide Schiavon
Riproduzione riservata ©