Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'Italia continua il suo allenamento allo "Giarrusso"

Quarto, Abete: "Su Balotelli troppa pressione mediatica"

Il presidente della Figc preoccupato per la punta del Milan

Quarto, Abete: 'Su Balotelli troppa pressione mediatica'
14/10/2013, 12:18

QUARTO (NAPOLI). Durante l'allenamento dell'Italia a Quarto, il presidente della Fig, Giancarlo Abete, è voluto tornare sul caso Balotelli e sul suo tweet che fa discutere. "L'interpretazione autentica la può dare solo il diretto interessato - dice Abete ai microfoni Rai - però penso che vada tutto ricondotto a una logica più equilibrata. La pressione mediatica su di lui è eccezionale e non so come sia possibile reggerne l'urto. Mario è un ragazzo di 23 anni che può migliorare come tutti noi, ma che può avere momenti più facili e più difficili. Il fatto di essere attenti a ogni sua parola o gesto diventa eccessivo".

Ricordiamo che Balotelli, al titolo di un quotidiano sportivo che lo aveva definito come simbolo anticamorra, aveva risposto con il seguente tweet: "Questo lo dite voi! Io vengo perché il calcio e bello e tutti devono giovarlo dove vogliono e poi c'è la partita!!!!"

Abete si mostra preoccupato dalla pressione mediatica sulla punta del Milan e, parlando della lite di Balotelli con un operatore al suo arrivo a Napoli, afferma: "Come in campo, quando si è marcati troppo stretti c'è sempre il rischio che un giocatore reagisca. Questo rischio può starci anche fuori dal campo".

"Anche oggi abbiamo incontrato tante persone che hanno vissuto con le loro famiglie battaglie contro la camorra - commenta Abete a proposito dell'iniziativa azzurra di allenarsi a Quarto a favore della legalità - e bisogna dare il giusto valore a questa testimonianza degli azzurri che vengono a dare un messaggio positivo".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©