Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Quattro chiacchiere all'Honda Bar con Guido Gargiulo


Quattro chiacchiere all'Honda Bar con Guido Gargiulo
20/07/2011, 16:07

Guido Gargiulo è per i motociclisti della regione Campania non solo un nome conosciuto, ma un volto amico. Sia sui campi di gara, che fuori dalle piste, Gargiulo è una figura sempre presente per chi vive la vita federale della Fmi. La sua passione e competenza sono una miniera inesauribile per chi ha bisogno di consigli, o vuole semplicemente scambiare quattro chiacchiere sull’universo delle due ruote. Gargiulo è oggi un commissario di gara, e dal 1990 al 1996 è stato il presidente del comitato regionale. Lo abbiamo incontrato all’Honda Bar di Piano di Sorrento, splendido locale dove tra l’esposizione di un modello e l’altro della casa dell’ala dorata, è possibile ascoltare musica jazz dal vivo ed assaporare gustosi cocktail: “Agli – spiega Gargiulo – inizi degli anni novanta la regione venne commissariata e fu nominato Commissario Antonio Centore, il quale mi nominò Sub-Commissario con pieni poteri. La situazione che ereditammo era disastrosa. C’era sfiducia verso la federazione, ed i moto club erano abbandonati a loro stessi. In poco tempo riuscimmo a venire a capo della situazione, e nel 1992 Centore fu eletto presidente, con me vice e Bruno Barbatelli come segretario. Centore, che di professione è magistrato, a seguito di un incarico di lavoro, dovette dimettersi, ed io gli subentrai alla presidenza. Nel 1996, poi, fu eletto Ugo Boscia, mio carissimo amico. Di quella esperienza ricordo la ventata di novità ed entusiasmo dei nuovi club che nascevano, che contagiò in maniera positiva quelli presenti”. Il 16 luglio i moto club campani saranno chiamati ad eleggere il nuovo presidente, a seguito del passaggio di Antonino Schisano al Consiglio Federale della Fmi: “Antonino – dice Guido – è stato un ottimo e valido presidente. Con lui il movimento è cresciuto sia in termini quantitativi sia qualitativi. Il nuovo gruppo composto da Massimo Gambini, Clemente Marro e Bruno Barbatelli, credo sarà in grado di continuare l’opera iniziata nel 2007, di rilancio dell’intero settore motociclistico. Massimo si è speso molto per lo sport, Bruno è una colonna del comitato, mentre Clemente è un uomo dalla grande cultura motociclistica. Nonostante la crisi, la squadra è riuscita a portare a casa risultati positivi, perché i suoi componenti sono coesi, affiatati. Possiamo, poi, fare affidamento su una comunicazione puntuale e costante, grazie ad un addetto stampa bravo ed appassionato. Il lavoro che aspetta la nuova dirigenza è difficile, ma ha tutte le qualità per fare bene. Ringrazio tutti gli sportivi campani per gli sforzi che fanno e per la passione genuina che li anima”. L’Honda Bar è stato inaugurato da poche settimane, ma è già diventato il punto di riferimento dei centauri della costiera sorrentina grazie agli eventi che organizza: “E’ – afferma Gargiulo – un locale bellissimo, dove l’arte moderna si sposa con l’arte motociclistica. Se al mattino è possibile fare la colazione delle due ruote, la sera si può ascoltare musica dal vivo. I concerti jazz del sabato sera sono oramai diventati un appuntamento da non perdere!”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©