Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

MOMENTO NAPOLI

Quattro giorni per sapere la verità


Quattro giorni per sapere la verità
30/09/2010, 10:09

E' il primo crocevia della stagione. Domenica per il Napoli finirà il primo, vero, tour de force dell'annata 2010/2011, ed è già tempo di risposte per gli azzurri. Fino ad ora il bilancio di una partita ogni tre giorni ha fatto calcolare due vittorie (entrambe in trasferta contro Sampdoria e Cesena), due pareggi (Bari e Utrecht) ed una sola, amara, sconfitta contro il Chievo Verona. Non un bottino negativo, ma nemmeno eccelso visto il tasso tecnico delle avversarie. Nei prossimi quattro giorni, però, il cerchio si chiuderà e verranno a galla le prime verità crude. Si parte oggi con la trasferta a Bucarest. Il pareggio contro l'Utrecht non ha pregiudicato il cammino europeo del Napoli, ma un nuovo stop contro la Steaua potrebbe complicare le cose. Serve vincere, ed attendere con ansia e grinta il Liverpool. Poi due giorni di allenamenti intensi, prima della chiusura del ciclo al San Paolo contro la Roma. Anche quella sfida importante, contro una squadra in forma (due vittorie su Inter e Cluj nelle ultime due uscite), che, se battuta, permetterà al Napoli di lanciarsi verso le vette della classifica. Nel mezzo del vortice, ci sono tante domande a cui rispondere. La prima riguarda la qualità della panchina azzurra. Mazzarri ha bisogno di capire se i rincalzi a sua disposizione gli possono assicurare un campionato ricco di soddisfazioni. Il primo banco di prova è stata Cesena, dove la sufficienza si è sfiorata, ma non centrata in pieno. Ora la Romania dirà quanto i vari Sosa, Yebda, Cribari, Santacroce e Vitale potranno realmente aiutare questo Napoli nelle tre competizioni.  Il secondo punto di domanda è legato al "tabù San Paolo". Domenica si saprà se al Napoli fa davvero male l'aria di Fuorigrotta, o è stato solo il cambio di stagione a smossare gli animi. E dal campo potrebbe arrivare una verità dolce o atroce per il tecnico livornese.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©