Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Radiazione Moggi: stop a procedimento disciplinare


Radiazione Moggi: stop a procedimento disciplinare
19/05/2011, 13:05

ROMA, 19 maggio - È iniziato al Parco di Principi il procedimento davanti ai giudici della Commissione Disciplinare della Federcalcio che dovrà decidere sulla radiazione o meno di Luciano Moggi, Antonio Giraudo e Innocenzo Mazzini. Dei tre, nell'albergo romano che ospitò cinque anni fa il processo sportivo denominato poi Calciopoli, è presente solo l'ex direttore generale della Juventus che, assieme al nutrito pool di avvocati, si opporrà alla "proposta" di radiazione avanzata dalla Corte federale il 25 luglio 2006. Nei tre procedimenti davanti alla Disciplinare, che rappresentano il primo grado (lo ha stabilito il Consiglio federale con una norma ad hoc il 3 marzo scorso) al quale seguirà l'appello alla Corte di giustizia federale, sarà consentito il contraddittorio tra le parti per arrivare alla sentenza.
L'ISTANZA - L'ex vicepresidente federale Mazzini è assente poiché ha già fatto ricorso all'Alta Corte di Giustizia presso il Coni contro le norme varate dal Consiglio federale e attende un pronunciamento in merito per il prossimo 23 maggio. I legali di Luciano Moggi (Tedeschini, Paco d'Onofrio, Prioreschi, Rodella, Tortorella, Rondinelli e il consulente per le intercettazioni, Penta, non presente però in aula) hanno invece presentato "un'istanza di ricusazione" nei confronti del presidente della Disciplinare, Sergio Artico (e dei suoi colleghi in Commissione, gli avvocati Tobia e Andriani) che ha giudicato Moggi per un'altra vicenda (l'uso delle schede svizzere). Secondo il procuratore federale, Stefano Palazzi, la ricusazione «è inammissibile in quanto non è applicabile al caso in esame», mentre per l'avvocato Prioreschi «al giudice ricusato è consentito esclusivamente una sommaria delibazione sull'ammissibilità della ricusazione che riguarda soltanto questioni relative ai termini e ai requisiti formali della ricusazione stessa». La Commissione si è quindi allontanata, sospendendo temporaneamente il procedimento, per decidere sulla ricusazione.
LA SOSPENSIONE - La Commissione Disciplinare, udite le parti, ha accolto l'istanza di ricusazione presentata dai legali di Luciano Moggi nei confronti del presidente della Disciplinare, Sergio Artico, e dei suoi colleghi in Commissione, gli avvocati Gianfranco Tobia e Riccardo Andriani, e ha sospeso il procedimento trasmettendo gli atti ad altro collegio per la decisione.
FONTE: CorrieredelloSport.it

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©