Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Raffaele De Rosa domani a Ledenon per i primi test sulla Moto 2


Raffaele De Rosa domani a Ledenon per i primi test sulla Moto 2
01/12/2009, 13:12

La neonata Moto 2 sarà probabilmente la classe che susciterà maggiore interesse tra gli appassionati nel 2010. Pensata per ridurre i costi di gestione della categoria intermedia del motomondiale, è in questi giorni un continuo mondo in evoluzione, con i team che pianificano lo sviluppo delle moto, che saranno mosse tutte dallo stesso propulsore griffato dall’ala dorata della Honda. Tra le squadre più attive c’è la Tech 3 capitanata da Hervè Poncharal; il team transalpino sarà domani in pista sul circuito di Ledenon, per far prendere le misure del loro prototipo a Raffaele De Rosa, pilota partenopeo, detentore del titolo di miglior debuttante del 2009. I test francesi precederanno quelli spagnoli del 9 dicembre, che si terranno sul Ricardo Tormo di Valencia: “Non c’è – spiega Raffaele – nessuna aspettativa cronometrica, ma saranno semplici prove dirette a creare il giusto feeling con la moto. Sono molto curioso di vedere come va la nuova moto. Ho ancora in mente il campionato che si è appena concluso, ma in questo ambiente non c’è troppo spazio per i ricordi. Bisogna lavorare sempre sodo, per non rimanere indietro nello sviluppo”. De Rosa è stato fortemente voluto da Poncharal, che crede nel talento del ragazzo del quartiere Fuorigrotta di Napoli: “Sono contento – dice – perché godere della stima di Hervè significa che i sacrifici fatti fin’ora sono serviti a qualcosa. Il 2009 è stato un anno importante ed indimenticabile, e anche nelle stagioni dove non tutto girava per il verso giusto, non ho mai smesso di credere in quello che facevo. L’arrivo nella squadra di Daniele Romagnoli, sarà sicuramente un fattore di crescita, perché la sua esperienza e bravura torneranno utili nell’evoluzione della moto. Da parte mia c’è tutta la voglia di spingere forte, perché mi piacerebbe essere il primo campione del mondo della Moto 2”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©