Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Raffaele De Rosa firma per il Team G22


Raffaele De Rosa firma per il Team G22
09/12/2010, 08:12

L’aria di Natale porta un dolce regalo a Raffaele De Rosa, ventitreenne pilota di Napoli. Nel 2011 sarà il portacolori del “Team G22”, gestito da Pablo Nieto, e tenterà di nuovo l’assalto al titolo della classe Moto 2. La nuova unione testimonia la considerazione che ha lo scugnizzo più veloce del mondo nell’ambiente del motomondiale: “Rischio – dice con un sorriso De Rosa – di essere banale, ma ricoprire un ruolo importante in una squadra come la G22, mi riempie il cuore di gioia. L’anno che sta per chiudersi non è stato per me molto positivo, però non ho mai smesso di credere nelle mie capacità. Guardo al futuro con ottimismo, e sono pronto a scrivere un capitolo importante della mia carriera”. Raffaele ha avuto già modo di saggiare sulla pista di Valencia la Moriwaki, moto che lo accompagnerà nelle prossime uscite: “Subito – sottolinea Raffaele – mi ha colpito la sua facilità di guida. Rispetto a quella guidata in passato, è molto più equilibrata nella ciclistica, mentre il motore sembra essere messo a punto meglio. Non vedo l’ora di poterla sviluppare nei prossimi test”. I mesi invernali sono lo stesso importanti per i piloti, perché sono quelli nei quali si sviluppa la forma fisica in vista dei mesi caldi, non solo per la temperatura: “Seguo – spiega – un programma che mi vede combinare tanta bicicletta con il nuoto. Il mio preparatore è Arturo Di Mezza (nella foto alla sinistra di Raffaele), ex maratoneta alle Olimpiadi del 2000 e del 2004, con la passione per il motociclismo. Mi alleno anche sul crossodromo di Acerra, insieme all’amico Tony Cerbone, icona in Campania delle ruote tassellate. Nel motociclismo moderno devi essere anche un vero atleta, e mi preparo al meglio anche sotto questo punto di vista. Il 2011 sarà una stagione ancora più difficile, perché se Elias è andato via, arriva un pilota come Mika Kallio, osso molto duro”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©