Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Raffaele De Rosa pronto per il Motorland di Aragon


Raffaele De Rosa pronto per il Motorland di Aragon
16/09/2010, 13:09

 

 

La Moto 2 ritorna in pista dopo la tragica scomparsa di Shoya Tomizawa. Nei piloti è ancora forte il dolore per la perdita di un collega che come loro sognava di divertirsi in pista, mentre tra gli addetti ai lavori impazza la polemica sulla mancata esibizione della bandiera rossa. Purtroppo niente e nessuno potrà riportarci indietro Shoya. “The show must go on” recitava una canzone dei Queen, e così il “Motorland” di Aragaon fa il suo debutto nel motomondiale. Raffaele De Rosa vuole continuare in terra spagnola l’inizio di risultati positivi, in modo da dimenticare un avvio di stagione difficile: “Il circuito – afferma il pilota del Team Tech 3 – non mi è nuovo, perché vi ho girato prima della pausa estiva per una serie di test. E’ una specie di otto volante, dove si raggiungono alte velocità. Anche se ha un disegni complicato, è molto divertente, ed enfatizza la tecnica del pilota. Proprio su questa pista abbiamo trovato il set up giusto per la nostra moto, che ci ha permesso un bel salto in avanti in termini di competitività”. Nel tragico week end di Misano De Rosa conquistò, al termine di una bella rimonta dalla ventiseiesima posizione, la tredicesima piazza, ed in vista della prova di Aragon è forte in lui l’ottimismo: “I piloti di casa – dice il napoletano – potranno fare affidamento sul tifo caloroso che solo gli spagnoli, dopo gli italiani, sanno regalare. Pertanto sarà ancora più dura sorpassarli, ma questo invece di spaventarmi, rappresenta uno stimolo in più a fare meglio. Le prime gare del campionato non sono state positive, ma ora il vento è cambiato. Parlare di vittoria è ancora presto, ma ho intenzione di cogliere un risultato che sia più consono a quelle che sono le aspettative mie e del team. Diciamo che la top ten sarebbe un piccolo successo, e sono molto fiducioso in merito”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©