Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Raffaele De Rosa undicesimo ad Indianapolis con rammarico


Raffaele De Rosa undicesimo ad Indianapolis con rammarico
31/08/2009, 19:08

Nel magico catino di Indianapolis, il napoletano Raffaele De Rosa non riesce a trovare il sorriso, perché se da un lato l’undicesimo posto al traguardo gli permette di conservare la leadership nella classifica dei debuttanti, dall’altro c’è il rammarico per aver sciupato un'occasione per tentare l’assalto all’ultimo gradino del podio. La prestazione di De Rosa è stata condizionata dalla caduta rimediata a pochi minuti dal termine nelle prove del sabato, quando la sua Honda lo ha disarcionato. Fortunatamente le conseguenze per  lui non sono state pesanti, ma la gara è stata corsa in condizioni fisiche non perfette: “La gamba sinistra – analizza il pilota del Team Scot Racing – non era al meglio, non mi ha permesso di cambiare al meglio le marce, e inclinare la moto nelle curve. Sono stato costretto a correre senza assumere rischi, ed è stato un peccato, perché il feeling con la moto era eccellente. Ero molto a mio agio in frenata, e questo mi permetteva di recuperare il gap di motore che la Honda paga nei confronti di quelli delle altre case. Credo che se avessi corso in condizioni ottimali, avrei regalato un altro pilota sul podio alla mia squadra”. Neanche il tempo di togliersi la tuta, che il circus del motomondiale si trasferisce sul circuito del Santamonica di Misano, e De Rosa spera di riscattarsi già nel prossimo fine settimana: “Se passeranno i dolori – promette – ne vedremo delle belle. La pista di Misano è tra le mie preferite, e mi piacerebbe fare bottino pieno. Sarà molto difficile, perché avversari come Aoyama, Simoncelli, Pasini, Bautista e Barbera avranno tanti motivi per vincere, ma io non mi tiro indietro, e starò lì a giocarmela”.

Commenta Stampa
di Alfredo di Costanzo
Riproduzione riservata ©