Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Raffaele Freda pronto per la sfida dell'Xr Trophy


Raffaele Freda pronto per la sfida dell'Xr Trophy
03/04/2009, 14:04

Questo fine settimana parte il primo Xr Trophy, campionato riservato alle bicilindriche Harley Davidson, e tra i protagonisti ha voglia d’esserci Raffaele Freda, del team Bee Good di Napoli. Freda è una scommessa del team manager Giovanni Borrelli, perché anche se  ha trascorsi nel mondo agonistico, è la prima volta che si cimenta in gare alla guida di un’Harley. Nonostante l’inesperienza, il giovane salernitano è motivato per dimostrare tutto il suo talento nella categoria Proclass: “In griglia – racconta Raffaele - ci saranno tanti nomi importanti del panorama nazionale ed internazionale, contro i quali non posso fare altro che imparare dalla loro esperienza. La collaborazione con il team è nata a fine anno scorso, quando sul “Tracciato del Sele” di Battipaglia provai la nuova Xr 1200 in allestimento trofeo. La moto esteticamente è molto bella, ma va guidata in maniera diversa da come si porta al limite una sportiva stradale di oggi. Ho dovuto, infatti, adattare il mio stile alle sue caratteristiche, e questo ha richiesto un certo periodo di adattamento. Apprezzo la coppia sostanziosa e la stabilità, mentre la mole ed il peso la rendono difficile da gestire nei cambi di direzione e nelle staccate. Per meglio integrarmi a lei, ho cambiato anche modo d’allenare il fisico, con esercizi in palestra volti ad aumentare la resistenza muscolare”. L’autodromo Riccardo Paletti di varano de’ Melegari è un toboga sconosciuto a Freda, che spera di non pagare lo scotto dell’inesperienza: “Purtroppo – dice – non ho mai messo ruota sul suo asfalto. Ho la fortuna di poter contare sulla professionalità dei ragazzi del team, che prima di essere dei validi tecnici, sono degli amici. Conto di poter concludere al traguardo nei primi cinque. Ringrazio Giovanni Borrelli, che mi ha permesso di entrare nel mondo Harley dalla porta racing, e vivere quest’esperienza unica, proprio come la moto che guido”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©