Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Rally: Loeb Elena e Citroën Campioni del Mondo


Rally: Loeb Elena e Citroën Campioni del Mondo
05/10/2010, 11:10

Lo scenario era ideale, ma bisognava riuscire nell’impresa. Tagliando il traguardo davanti al municipio di Haguenau, Sébastien Loeb, Daniel Elena e la loro Citroën C4 WRC si sono aggiudicati la sessantesima vittoria nel WRC e il settimo titolo consecutivo di Campioni del Mondo FIA Rally. Sébastian Loeb che con questa performance entra nella storia, è stato accolto da 300 000 spettatori in delirio. Con il secondo posto, Dani Sordo e Diego Vallejo regalano al Citroën Total World Rally Team il sesto titolo di Campione del Mondo Costruttori. Dopo due lunghe tappe, nella terza giornata del Rally di Francia la gara si spostava a nord di Strasburgo. Disputato senza assistenza, il percorso comprendeva due passaggi nella speciale del campo militare di Bitche e due passaggi nella speciale di Haguenau, città natale di Sébastien Loeb. Sin dal tratto di collegamento da Strasburgo a Haguenau, per la prima speciale urbana, l’entusiasmo degli spettatori è stato un crescendo: «C’era folla ovunque, sul precorso e nella speciale. Un’emozione incredibile. » Un inizio di giornata molto intenso anche per Dani Sordo, ma per motivi diversi: « Una speciale breve ma per niente facile, con note non perfette e una piccola grana: una fascetta staccata, che siamo riusciti a riparare. » Nella speciale di Camp de Bitche, Dani Sordo segnava il miglior tempo davanti a Sébastien Loeb: « Non conoscevamo gli intermedi, per cui era difficile capire se la cadenza era quella giusta. Questo miglior tempo è stato una sorpresa! » Seb sapeva di aver gestito bene il suo vantaggio: «Senza gli 'split' non avevamo riferimenti, ma non ho corso rischi nelle parti più veloci. » Dopo un interminabile raggruppamento a Bitche, gli organizzatori annullavano il secondo passaggio nella speciale del campo militare, e il rally si spostava a Haguenau per il gran finale. Dopo aver tagliato il traguardo, Sébastien Loeb ha potuto lasciare la tensione alle spalle e dare libero sfogo alla sua gioia salendo sul tetto della sua C4 WRC: «Il mio primo titolo mondiale resterà per sempre speciale, ma anche questo sarà indimenticabile. Tagliare il traguardo nella mia città, soprattutto dopo una corsa così difficile, è stata una soddisfazione indescrivibile. Credo di non aver mai visto così tanti spettatori ad un rally! È stato fantastico!»

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©