Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Ranking Uefa, ecco tutti gli scenari


Ranking Uefa, ecco tutti gli scenari
17/03/2011, 14:03

La grande prova dell’Intre in Europa con la conquista dei quarti di finale, ha un nome Eto’o: suo un gol e suoi i due assist. Perché Eto’o non è un egoista, lui pensa al gruppo. E da attaccante straordinario quale è (252 gol in carriera) riesce a trasformarsi anche in terzino, quando serve. Gioca ovunque, dove c’è necessità, senza discutere. Quando si trova davanti alla porta e vede un compagno messo meglio di lui, gli regala il pallone e lo manda in gol, come ha fatto con Pandev. Tuttavia, nonostante il successo dell’Inter sul Bayern, l’Italia perderà un posto in Champions League dalla stagione 2012-2013. Manca ancora l'ufficialità dell’Uefa, ma ormai il ritardo accumulato a livello di coefficienti è incolmabile. Quindi, il 2011-2012 sarà l'ultimo «turno» prima di almeno due anni con quattro rappresentanti italiane in Champions League e tre in Europa League Per determinare i posti a disposizione di ogni paese nelle competizioni europee, l'Uefa prende in considerazione l'insieme dei risultati dei club della nazione in questione sulle ultime cinque stagioni. I primi tre della classifica complessiva dispongono di quattro posti in Champions e tre in Europa League, quelli dal quarto al sesto rango di tre in Champions ed altrettanti in Europa League. Dopo le ultime partite, l'Italia occupa la quarta posizione con 60,552 punti, con oltre otto lunghezze di ritardo sulla Germania (68,603), mentre l'Inghilterra è saldamente in testa (83,642), davanti alla Spagna (78,043). Il divario sul terzo posto è aritmeticamente incolmabile. Per il computo della graduatoria, infatti, l'Uefa somma i risultati ottenuti da ogni squadra (due punti per la vittoria, uno per il pareggio, zero per la sconfitta, con un bonus di un punto per la qualificazione dagli ottavi di finale in poi della Champions e dai quarti in Europa League) e lo divide per il numero di partecipanti all'inizio della stagione. Quindi, anche se l'Inter dovesse conservare il trofeo vincendo tutte le gare rimanenti, potrebbe segnare 13 punti (5+5+3). Questi verrebbero divisi per 7 (il numero di formazioni italiane impegnate in Europa all'inizio della stagione) per un aumento del coefficiente di 1,86 punti. Impossibile quindi recuperare sulla Germania. Così come è impossibile che l'Italia scenda a due posti in Champions, visto che il vantaggio sulla settima provvisoria, la Russia, è di circa 17 punti. Questa situazione perdurerà molto probabilmente anche nella stagione 2013-2014.

Fonte: ilmattino.it

Commenta Stampa
di Roberto Russo
Riproduzione riservata ©