Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

(VIDEO) LA VERGOGNA

Razzismo in Russia: tirata banana a Roberto Carlos



Razzismo in Russia: tirata banana a Roberto Carlos
23/06/2011, 23:06

Roberto Carlos, glorioso terzino brasiliano, si ritira dal calcio per colpa delle banane. La “torcida” russa gli ha lanciato la frutta in segno di contestazione razzista, segnando cosi una fine amara per una carriera straordinaria.
 «Spero che l’uomo che mi ha lanciato quella banana non metta mai più piede in uno stadio». La partita si è svolta a Samara in Russia, nella regione del Volga, tra la sua squadra, l’Anzhi Makhachkala, e la formazione locale. Non era nemmeno la prima volta che Roberto Carlos veniva bersagliato dalla frutta russa. Nel marzo scorso, a San Pietroburgo, prima dell’inizio della partita tra il Makhachkala e lo Zenit, allenato da Luciano Spalletti, era successa la stessa cosa.
Roberto Carlos, 38 anni, ex di Inter e Real Madrid, stavolta ha lasciato il campo visibilmente sconvolto, andandosi a sedere in panchina, il volto coperto da un asciugamano per nascondere le lacrime di rabbia e frustrazione. Un dolore profondo, che gli ha tolto la voglia di continuare a fare il suo mestiere, come ha confessato al quotidiano Sport Express: «Sono indignato dal comportamento di questo personaggio, che non ha offeso solo me, ma tutti quelli che erano in campo. Mi ha tolto la voglia di giocare. Spero che la Federcalcio russa, la Uefa e la Fifa valutino con la giusta severità quello che è successo. Gesti del genere, nei Paesi civili, non vengono tollerati».
FONTE: IL SECOLO XIX

Ecco il video in cui è possibile vedere quanto accaduto a Roberto Carlos:

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©