Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Razzismo, tifoso offre banana a Roberto Carlos


Razzismo, tifoso offre banana a Roberto Carlos
23/03/2011, 16:03

Un tifoso dello Zenit San Pietroburgo, la squadra campione di Russia allenata da Luciano Spalletti, ha offeso il brasiliano Roberto Carlos con un gesto razzista che ha innescato inchieste a vari livelli. Come risulta anche da una foto pubblicata su un sito russo, il tifoso ha proteso - attraverso un'inferriata degli spalti e fra l'ilarita' di altri spettatori - una banana mezza sbucciata al difensore brasiliano campione del mondo 2002, attualmente in forza dall'Anzhi di Makhachkala. Roberto Carlos comunque ha detto di non essere rimasto offeso per l'episodio avvenuto durante una trasferta dello Zenit nella capitale del Daghestan lunedi' scorso per una partita del campionato russo. Lo Zenit ora guidato dall'ex-tecnico della Roma, in una nota, ha annunciato che sta conducendo con la polizia un'inchiesta su questo ''gesto immorale''. Nel far intendere che si sta cercando di individuare il tifoso razzista che ha voluto dare della scimmia al giocatore, il club ha ricordato ''a tutti i tifosi che l'intolleranza razziale e' inaccettabile'' e che ''il calcio unisce tutta le gente a prescindere da stato sociale, colore della pelle o confessione religiosa''. Come riferisce il sito russo sportivo Sovietski Sport, probabilmente gia' oggi la Commissione disciplinare dalla Federcalcio russa esaminera' il caso e non vengono escluse sanzioni (in teoria anche una partita a porte chiuse). ''Non mi sento toccato da questo gesto'', ha detto Roberto Carlos, che nel 1995-'96 gioco' nell'Inter e ora e' nella squadra daghestana dell'oligarca petroliere Suleiman Kerimov, uno degli uomini piu' ricchi di Russia. ''Nei 37 della mia vita ne ho viste di tutti i colori - ha ricordato al sito russo Life Sports - e quindi non mi stupisco di una banana. E se qualcuno voleva insultarmi con questo gesto, cio' gli pesi sulla coscienza''. (ANSA).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©