Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Renault Gordini sponsor nella Moto2


Renault Gordini sponsor nella Moto2
02/05/2010, 17:05

Renault Italia, forte del suo DNA e della sua lunga tradizione sportiva, ha deciso di affacciarsi al Motomondiale, con il rinnovato marchio Gordini che sarà sponsor ufficiale dello SCOT Racing Team nella nuova categoria Moto2.

Renault, fedele alla sua vocazione sportiva che la vede, ormai da anni, protagonista nello sport automobilistico, dalla Formula 1 alle competizioni in pista e nei rally, si apre oggi al mondo delle competizioni su due ruote, con il suo storico marchio Gordini, scegliendo la categoria più giovane e competitiva.
La classe Moto2 4 tempi, infatti, è una nuova categoria, nata nel 2010, che sostituisce la precedente classe intermedia, la 250cc 2 tempi, in virtù del cambio di regolamento in base al quale ai team e ai costruttori è data la possibilità di realizzare il mezzo con cui competere in pista, mentre il motore, un 600cc, è fornito dall’organizzazione.

RSM Team Scot è il team campione del mondo in carica nella classe di mezzo: gestito da Cirano Mularoni, ha sempre covato il desiderio di costruire una moto che racchiudesse tutto il know how derivato da anni di competizioni ad alto livello. Quest’anno, lo Scot Racing Team ha sviluppato un mezzo ipertecnologico che raccoglie tutta l'esperienza accumulata dalla squadra nel campionato 250 e MotoGP e che gli consentirà di far valere le proprie competenze e soprattutto di essere rapidissimi nello sviluppo di eventuali modifiche, anche radicali, da apportare durante la stagione.
La versione che corre oggi in pista è la GP210: il telaio è completamente regolabile, sia per quanto riguarda il baricentro che qualsiasi offset; l'obiettivo degli ingegneri, infatti, è stato quello di creare una moto molto bilanciata, competitiva su tutti i circuiti, piuttosto che una moto performante solo in condizioni ideali di assetto.

Il marchio Renault Gordini, con la sua leggendaria livrea blu Malta percorsa dalle due fasce bianche, sarà presente sulla carena delle moto nonché su tutto l’abbigliamento ufficiale del Team, le strutture utlizzate per l’hospitality ed i mezzi di trasporto del Team.


La squadra campione in carica, in pista con un mezzo sviluppato in proprio e ansiosa di reiterare il risultato dell’anno precedente, non poteva che affidarsi a piloti forti, in grado, al contempo, di ottenere risultati di prestigio in pista e portare avanti lo sviluppo del mezzo. Sono stati scelti, pertanto, due piloti provenienti dalla classe MotoGP, il sammarinese Alex de Angelis e il genovese Niccolò Canepa (v. biografie in allegato).

In occasione delle 2 tappe italiane del Motomondiale, che si svolgeranno il 6 giugno al Mugello ed il 5 settembre a Misano, sarà esposta la gamma Renault Gordini, che interpreta in chiave moderna i codici e l’anima dell’universo Gordini, per essere ammirata da tutti gli appassionati sportivi.

Twingo Gordini, la “pocket rocket” di Renault Sport, ha inaugurato la firma Gordini con una nuova versione chic e sportiva dal look decisamente contemporaneo: la tinta blu, le fasce bianche e gli interni raffinati in pelle trapuntata sono presenti in questa city car ricercata che monta un motore 1.6 16v da 133cv.
Clio Gordini R.S. è una nuova versione che riprende l’insieme delle prestazioni sviluppate da Renault Sport, imponendosi quale degna erede dello spirito “corsaiolo” delle Gordini: presenta anch’essa, all’esterno, il Blu Malta e le due leggendarie fasce bianche mentre, all’interno, un abbinamento armonioso di pelle, nero lacca e metallo. Equipaggiata con un motore 2.0 16v da 203 cv, è unanimemente considerata dalla stampa come la sportiva più efficace della categoria.

Nel mese di maggio, infine, sul sito ufficiale Renault www.renault.it, prenderà il via un concorso on-line, legato all’iniziativa, rivolto a tutti gli appassionati sportivi: in palio 12 viaggi per alcune delle 17 tappe di cui si compone il Motomondiale (v. calendario in allegato), per poter seguire dai box, con il Team, le gare del Motomondiale e supportare così, da spettatori privilegiati, i propri beniamini.

ALEX DE ANGELIS
Il ventiseienne (26/2/84) è uno dei piloti più veloci al mondo. E’ reduce da due stagioni in MotoGP e dal primo podio nella classe regina. Ha ricominciato, con il team Scot e la Moto2, il suo percorso mondiale. Alex e suo fratello William, pilota anch’egli, si esibiscono spesso anche sulle 4 ruote. Come spesso accade ai piloti di moto, la ricerca e il piacere della velocità sono trasversali. I due fratelli partecipano a gare su pista e rally.

Età: 26 anni
Nazionalità: sammarinese
Residenza: San Marino
Altezza: 180 cm
Peso: 66 Kg
Numero di gara: 15

LA CARRIERA
Alex De Angelis, sammarinese di origine, nasce a Rimini il 26 Febbraio 1984 in una famiglia dove la passione per i motori e la velocità può essere considerata quasi ereditaria. Il padre Vinicio, infatti, era un preparatore di auto da rally e ha trasmesso la passione ad Alex e al fratello maggiore William. All’età di 7 anni, i due ricevono in regalo una minimoto con la quale iniziano a scarrozzare e fare le prime gare sulla pista di Miramare, proprio a due passi da casa. Nel 1997 arrivano le prime soddisfazioni: Alex, allora tredicenne, giunge sesto al Campionato Italiano Minimoto e l’anno successivo partecipa al Trofeo Honda 125 ottenendo, proprio sul circuito di casa a Misano, il primo podio della carriera. Nel 1999 entra a far parte del Team Matteoni e partecipa al Campionato Italiano e al Campionato Europeo 125 G.P. conclusi, rispettivamente, in seconda e settima posizione. In questo anno Alex mette in bacheca anche la prima vittoria nel Campionato Italiano e lo fa a Binetto, dove lui e il fratello William sbaragliano la concorrenza spartendosi i primi due gradini del podio. I buoni risultati e la determinazione ben presto gli aprono le porte del Campionato Mondiale. Il debutto avviene nel 1999 a Imola dove prende parte, come wild car, all’ultimo Gran Premio ospitato dall’Autrodomo Enzo e Dino Ferrari.
Da qui in poi la carriera mondiale di Alex subisce una vera e propria escalation. Nel 2000, sempre con la Honda del Team Matteoni, prende parte all’intero Campionato del Mondo 125 che termina al 18° posto, aggiudicandosi il premio di “Rookie of the Year”, riconoscimento assegnato al miglior debuttante dell’anno.
Il primo podio nel mondiale arriva nel 2002 in Germania ed Alex è in sella ad un’Aprilia gestita dal team di Lucio Cecchinello.
Il 2003 è l’anno delle soddisfazioni: il sammarinese si rende uno dei protagonisti assoluti della 125 e termina la sua stagione da vicecampione del mondo. Il secondo posto finale e la continuità nei risultati gli aprono le porte della quarto di litro che affronta in sella all’Aprilia ufficiale, concludendo la stagione in quinta posizione.
Nel 2005 corre con i colori di MS Aprilia Italia Corse e chiude la stagione settimo assoluto, con due secondi posti e due terzi posti in attivo. L’anno seguente Alex è pilota ufficiale Aprilia Racing nel Team Aspar e sale sul podio ben 11 volte. A coronare una stagione decisamente convincente, chiusa in terza posizione, arriva anche la prima vittoria mondiale nel Gp di Valencia. Otto sono i podi totalizzati nella stagione seguente che lo portano a conquistare, per il secondo anno consecutivo, la terza piazza finale. Nel 2008 c’è il salto di categoria e l’approdo in MotoGp tra le fila del Team Gresini. La stagione non è delle più facili ma Alex dimostra, in più di un’occasione, le proprie doti e potenzialità sfiorando il podio nel Gp d’Italia e nel Gp di Germania. Il pilota di San Marino chiude il suo primo anno in MotoGp al 14° posto. Nel 2009 è ancora con Gresini e arriva il tanto atteso podio nella classe regina. Il 31 agosto, a Indianapolis, la bandiera biancazzurra sventola dal secondo gradino del podio. In sella alla sua Honda si piazza al quarto posto in occasione del Gp d’Australia e d’Inghilterra e al quinto sul tracciato di Assen, concludendo il secondo anno in MotoGp 8° in classifica.
Quest’anno Alex ha deciso di mettersi ulteriormente alla prova e affrontare una nuova sfida. Prenderà parte alla neonata classe Moto2 insieme allo Scot Racing Team del connazionale Cirano Mularoni, con l’obiettivo di confermarsi tra i protagonisti assoluti della nuova categoria.
RISULTATI NEL MOTOMONDIALE

2000: 18° Campionato del mondo 125cc (Honda) – “Rookie of the year”
2001: 14° Campionato del mondo 125cc (Honda)
2002: 9° Campionato del mondo 125cc (Aprilia)
2003: 2° Campionato del mondo 125cc (Aprilia)
2004: 5° Campionato del mondo 250cc (Aprilia)
2005: 7° Campionato del mondo 250cc (Aprilia)
2006: 3° Campionato del mondo 250cc (Aprilia)
2007: 3° Campionato del mondo 250cc (Aprilia)
2008: 14° Campionato del mondo MotoGp (Honda)
2009: 8° Campionato del mondo MotoGp (Honda)
NICCOLO’ CANEPA

Nato a: Genova
Età: 22 anni
Peso: 69Kg.
Altezza: 181cm

LA CARRIERA
Nel 2002, all’età di 13 anni, Niccolò guida per la prima volta una 600 e capisce che la sua strada è quella delle moto di grossa cilindrata; infatti il 17 maggio dello stesso anno, tre giorni dopo aver compiuto 14 anni, diventa il più giovane esordiente al mondo su una moto così potente, ottenendo già nel 2004 la sua prima vittoria nella Coppa Italia a Vallelunga. Dopo due anni di campionati italiani, nel 2005, termina quarto al campionato Europeo Stock 600 e si guadagna così l’ingaggio per il 2006 in Ducati ufficiale.
Il 2006 è il primo vero anno di successi per Niccolò, che vince il campionato italiano Supersport under 21 e arriva secondo al campionato europeo Stock 600; inoltre inizia la sua carriera da collaudatore per le moto di serie della Ducati, in particolare la 1098s, con la quale l’anno successivo vince il Campionato del mondo Stock 1000. La Ducati decide così di affidargli i collaudi della sua nuova nata Superbike e Niccolò inizia a segnare record su record, guadagnandosi il posto da collaudatore della Ducati MotoGP per tutto il 2008. Il pilota genovese ottiene ottimi risultati e fa registrare tempi molto interessanti e quasi sempre migliori di altri piloti Ducati in MotoGP; viene così ingaggiato dal team Pramac Racing per la stagione Motogp 2009.
Niccolò, a soli 20 anni, è il pilota più giovane della categoria e deve far fronte al fatto che non conosce 6 piste sulle quali correrà. L’anno di esordio infatti non è dei più facili, ma Niccolò riesce a distinguersi nella gara di casa, al Mugello, e a Donington, che sono le piste che conosce meglio.
Purtroppo la sua stagione si conclude anticipatamente a causa di un brutto infortunio nel GP d’Australia, per il quale non potrà prendere parte alle ultime tre gare del Campionato del Mondo. Nonostante ciò egli conclude il campionato al 16esimo posto assoluto.
Quest’anno Niccolò correrà per lo Scot Racing Team, nella neonata categoria Moto2. Queste nuove moto si adattano particolarmente allo stile di guida di Niccolò, inoltre la sua esperienza da collaudatore potrà essere molto utile per realizzare l’obiettivo di terminare la stagione da protagonista.


CALENDARIO 2010

11 Aprile Qatar Doha/Losail
2 Maggio Spagna Jerez de la Frontera
23 Maggio Francia Le Mans
6 Giugno Italia Mugello
20 Giugno Gran Bretagna Silverstone
26 Giugno Olanda Assen
4 Luglio Catalogna Catalunya
18 Luglio Germania Sachsenring
25 Luglio Stati Uniti Laguna Seca
15 Agosto Repubblica Ceca Brno
29 Agosto Indianapolis Indianapolis
5 Settembre San Marino & Riviera di Rimini Misano
19 Settembre Spagna Aragon
10 Ottobre Malesia Sepang
17 Ottobre Australia Phillip Island
31 Ottobre Portogallo Estoril
7 Novembre Spagna Ricardo Tormo – Valencia


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©