Sport / Motogp

Commenta Stampa

Report Motoraduno Città di Monte San Giovanni Campano


Report Motoraduno Città di Monte San Giovanni Campano
14/07/2011, 09:07

La settima edizione del “Motoraduno Città di Monte San Giovanni Campano” è stato un vero e proprio successo. L’evento organizzato dal Moto Club Liri, ha registrato l’affluenza di quasi duecento moto, un risultato notevole, visto il caldo che spingeva più verso mete marittime. Le quaranta moto d’epoca esposte, hanno fatto letteralmente innamorare i mototuristi presenti. Attraverso un mix di Ducati, Gilera, Moto Guzzi, Moto Morini, Honda e Java, si è avuta la possibilità di poter fare un tuffo nel passato, quando la passione per le due ruote aveva carattere pionieristico, dal sapore romantico speciale. Il motogiro si è snodato tra gli scenari dell’antico borgo medioevale, e le bellezze paesaggistiche fatte di natura incontaminata e acque verdi del fiume Liri. La manifestazione ha goduto del patrocinio del Comune di Monte San Giovanni Campano: “Mi congratulo – dice Angelo Veronesi, sindaco del comune laziale – con il Moto Club Liri per aver dato vita ad una giornata fantastica. Il motoraduno è una combinazione di sport, turismo, spettacolo, cultura e solidarietà, che ha arricchito il patrimonio umano locale. Vedere tanti appassionati, specie giovani, testimonia la genuinità dei valori di cui il motociclismo è portatore”. Durante la giornata si è omaggiata la figura dell’ex pilota Walter Battisti, che negli anni settanta mostrò la sua classe nei campionati europei ed italiani delle classi 125 e 250; nelle parole di Rocco Belli, il tecnico che lo seguì durante la sua breve ma intensa carriera, l’emozione di un popolo che si riconosce nel suo campione: “Walter – ricorda Belli – adorava la moto ed amava portarla al limite in pista. Uno dei momenti più emozionanti fu quando ci recammo in edicola per acquistare una nota rivista del settore. La copertina era intitolata: Morbidelli trema per Battisti. Se la fortuna gli fosse stata più amica, sono certo che avrebbe raggiunto traguardi mondiali”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©