Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Report Motoraduno Nazionale "Città di Venafro"


Report Motoraduno Nazionale 'Città di Venafro'
28/06/2011, 15:06

La seconda edizione del Motoraduno Nazionale Città di Venafro sarà a lungo ricordata dagli oltre duecento centauri accorsi. La due giorni diretta dal Moto Club Venafro è stata per contenuto del programma, bellezza dei paesaggi e livello d’organizzazione impeccabile. Ho avuto modo di partecipare all’evento in qualità di responsabile della manifestazione turistica, e sono stato sorpreso dal clima di fratellanza che c’era; che si cavalcasse una Ducati, un’Aprilia una Bmw, una Harley-Davidson o una giapponese, non ha avuto importanza, perché tutti si sono sentiti parte integrante ed importante di una grossa famiglia, quella dei motociclisti. Grande interesse ha suscitato la mostra “Epoca bike show”, dove il responsabile Fmi del settore d’epoca Antonio Tirabassi è stato a disposizione degli amanti del genere nel dare loro i giusti consigli ed illustrare i servizi offerti dalla federazione. I Motogiri del Castello e delle Mainarde hanno emozionato la carovana di centauri grazie a bellezze paesaggistiche ed artistiche uniche. Per quanto riguarda le premiazioni legate alle classifiche Fmi, il Moto Club Roccaravindola ha vinto la categoria dei club molisani, mentre il Moto Club Mutria Motorsport si è aggiudicato la vittoria nella graduatoria club extra regione. Personalmente ringrazio Dante, Valentina, Marciano, Ivano e Fabio, appassionati che si sono letteralmente fatti in quattro per mettere a proprio agio gli ospiti. Ringrazio anche il Presidente del Co. re. Molise-Fmi, Nicola Iannantuono, ed il Presidente del Moto Club Venafro, Giuseppe Cavicchia, uomini con i quali è stato bello scambiare le proprie visioni del motociclismo. In particolare Cavicchia è una vecchia conoscenza, perché gestore del crossodromo di Pratella, in provincia di Caserta; vederlo a capo di un moto club attivo, in grado di raggruppare tanti giovani, mi ha fatto enormemente piacere. Concludo ringraziando nostro Signore perché ha regalato al mio cuore due ruote ed una sella!

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©