Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Report Motorsannio-Pirelli prova di Battipaglia (Sa)


Report Motorsannio-Pirelli prova di Battipaglia (Sa)
02/12/2010, 09:12

Sul “Circuito del Sele” di Battipaglia, in provincia di Salerno si è disputato il settimo ed ultimo round del “Trofeo Motorsannio-Pirelli”, dedicato agli amanti delle competizioni in Supermoto. Nonostante fosse autunno inoltrato, l’atmosfera tra i piloti era calda, e le emozioni non sono mancate. Per una questione legata alla sicurezza, è stata eliminata la parte sterrata dal giro di percorrenza. Nella S1 il “cinghialone” Carmine Matarazzo, Moto Club Boccia, fa suo il titolo, e spodesta dal trono la “volpe del Sannio” Enzo Gnerre, Moto Club Motorsannio. Nella prima manche è proprio Gnerre ad affermarsi sul neo campione, ma in gara due una caduta lo mette ko, e così Matarazzo festeggia con una vittoria il titolo. In classifica generale Pietro Cafiero del Moto Club Penisola Sorrentina è terzo. Nell’Open il ciclone Aldo Tartaglione del Moto Club Motorsannio festeggia con una doppietta il titolo. In classifica generale si segnalano il secondo posto di Massimo De Blasio del Moto Club Motorsannio ed il terzo posto di Vincenzo Di Penta del Moto Club Napoli. Raffaele Gallo del Moto Club Foggia anche se conquista nelle due manche un solo secondo posto, porta a casa il titolo della categoria S4. Buono il campionato della giovane promessa Antonio Guida del Moto Club Motorsannio, che chiude in seconda posizione. Nonostante le difficoltà, il Motorsannio-Pirelli archivia la sua undicesima stagione, e già si guarda al 2011: “Mantenere – spiega Enzo Gnerre pilota ed organizzatore – le promesse quest’anno è stato difficile, ma abbiamo fatto di tutto per offrire agli appassionati un trofeo carico di competizione, che si articolasse sulle piste più belle della Campania, Basilicata e Puglia. Purtroppo il momento economico non permette di far crescere come vorremmo la Supermoto, ma tutto sommato siamo soddisfatti del bilancio di fine stagione. Per il prossimo anno sono in arrivo grosse novità”. Soddisfazione che c’è in Gnerre anche se analizza la sua stagione, con un esito che a distanza di una anno fa sembrava impossibile da raggiungere, dopo il brutto incidente di Binetto: “Ritornare in pista – dice con un pizzico d’emozione la volpe – è stata la sfida più bella che potessi vincere. Concludere al secondo posto in campionato, non solo mi ha permesso di onorare il titolo, ma è un risultato che premia la mia tenacia. Faccio i complimenti a Carmine, un ragazzo veloce in pista, bravo ed umile nella vita di tutti i giorni. Nel 2011, però, dovrà vedersela con me per la lotta al vertice”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©