Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Report sesto motoraduno "Città di Monte San Giovanni Campano"


Report sesto motoraduno 'Città di Monte San Giovanni Campano'
28/06/2010, 17:06

 

 

In una giornata baciata dal sole si è svolto il sesto Motoraduno “Città di Monte San Giovanni Campano”, valido anche come quinto “Memorial Walter Battisti”. A curare l’organizzazione è stato il Liri Moto Club di Anatrella, storico simposio della provincia di Frosinone.

Numerosissimi appassionati delle due ruote hanno invaso pacificamente la piazza del paese, mostrando enorme interesse per la ricca esposizione di moto d’epoca collegata al raduno.

Grande ammirazione hanno suscitato modelli come il Cucciolo o la 851, che hanno fatto la storia della Ducati. A tenere compagnia alle due ruote di Borgo Panigale c’erano anche moto degli altri marchi italiani, come la Galera, la Moto Guzzi e la Moto Morini. Due prime donne meritano un cenno: la Jawa bicilindrica da Gran Premio e la Norton 500 International, veicoli che hanno fatto luccicare gli occhi degli intenditori. Il raduno non è stato solo mostra statica, ma anche divertimento in movimento. Il giro turistico ha fatto scoprire ai centauri accorsi le meraviglie del paesaggio verdeggiante della Ciociaria. Non poteva mancare il classico pranzo, a base di prelibatezza dei piatti della cucina tipica locale, conditi dalla contagiosa allegria dei partecipanti. Alla fine le premiazioni, valide per le classifiche della Federazione Motociclistica Italiana.

 

 

CLASSIFICHE F.M.I

Classifica Isolati:

1) D'Angelo Gianluca  - Vasto (CH)

2) Barberini Vincenzo - Caserta 

 

Classifica Motoclub:

1) M.C. Barbaroscia

2) M.C. I Cavalieri

3) M.C. Boville Ernica

4) M.C. Fernando Gabriele

5) M.C. Ferentino

 

Premi Liri Moto Club

 

Classifica Moto d’ Epoca

1) Martino Antonio - Moto Guzzi sport 14 (1929)

2) Martini Umberto - Gilera 500 (1932)

3) Iafrate Remo - Moto Guzzi Falcone (1951)

4) Pagllia Riccardo - Innocenti lambretta C (1951)

5) Chiarlitti Nino - Moto Guzzi 250 Airone sport (1954)

 

 

 

 

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©