Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'AMICHEVOLE DI LUSSO

Repubblica: Con il Penarol in 30 mila al San Paolo


Repubblica: Con il Penarol in 30 mila al San Paolo
02/08/2011, 11:08

Il regalo è arrivato addirittura con un paio di mesi d’anticipo. La qualificazione in Champions League (con tanto di terzo posto) è stato il modo migliore per festeggiare 85 anni. Ieri, come da copione, sono arrivati tanti biglietti per celebrare il compleanno del Napoli.
Il cincin è ovviamente virtuale, in attesa di giovedì, il giorno della grande festa. Tutto pronto. L’appuntamento è a Fuorigrotta. Riflettori accesi sul nuovo Napoli che non dimentica la sua storia, ma pregusta un’annata prestigiosa.
I biglietti sono già disponibili e i tifosi non vogliono farsi trovare impreparati. Il dato è abbastanza eloquente: in 15 mila hanno prenotato un posto in prima fila per partecipare al grande evento. Il clou della serata è la partita con il Penarol, formazione uruguaiana di grande tradizione (è arrivata in finale di Coppa Libertadores, sconfitta dai brasiliani del Santos) con due vecchie conoscenze come Nicolas Amòdio e Marcelo Zalayeta.
Il numero degli spettatori è destinato sicuramente ad aumentare nelle prossime 48 ore e il colpo d’occhio potrà essere di livello. Trentamila o forse qualcosa in più: «Vorrei lo stadio pieno — ha aggiunto De Laurentiis — per questa partita. Sarà una serata ricca di sorprese». Come ogni evento che si rispettiinfatti, non mancheranno i colpi a effetto. La prima al San Paolo è quasi sempre uno spettacolo da non perdere. Ci sarà la presentazione ufficiale al pubblico in stile americano. Occhio di bue e passerella. Senza dimenticare la musica (altrimenti che festa sarebbe). «Ci sarà un noto percussionista », ha aggiunto De Laurentiis (al quale la Provincia ha intitolato un club). Il rullo di tamburisarà affidato a Tullio De Piscopo.Lavezzi e Zuniga, al rientro dalla Coppa America e ansiosi di salutare la gente che li ha sempre sostenuti. Alla festa degli 85 anni, insomma, parteciperanno anche loro.
FONTE: REPUBBLICA
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©