Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

COME FARNE A MENO?

Repubblica: "Il Napoli punta tutto sul Pocho"


Repubblica: 'Il Napoli punta tutto sul Pocho'
09/03/2012, 10:03

Guida lui, perché Londra è troppo vicina e Mazzarri ha deciso di riprovarci con il turnover: con Cavani, a riposo, in panchina. Ma di Lavezzi, anche se la Champions è dietro l’angolo, il Napoli non ha il coraggio di fare a meno: neppure per una notte. «Lo adoro: è un ragazzo dagli slanci di generosità speciali ed è uno scapigliato come me», lo ha incoronato alla vigilia De Laurentiis, chiedendo all’attaccante argentino (5 gol nelle ultime 4 partite) di prendere per mano i compagni nell’anticipo di stasera al San Paolo (20.45) contro il Cagliari. Al posto del Matador ci sarà Pandev, reduce da cinque settimane di panchina.

È soprattutto sul Pocho, però, che gli azzurri contano per allungare la loro esaltante serie di vittorie: cinque in tutto, per ora, compresa quella nell’andata col Chelsea. I quattro successi in campionato, contro Chievo, Fiorentina, Inter e Parma, hanno già eguagliato il record assoluto della gestione di Mazzarri, che potrebbe essere battuto stasera (20.45) contro il Cagliari, in caso di pokerissimo. Le insidie da superare sono due: una tecnica e l’altra psicologica, perché il Napoli rischia di scendere in campo al San Paolo con la testa al Chelsea. La rinuncia a Cavani, in panchina come Maggio per il turn over, dovrà essere interpretata dagli azzurri nel modo più giusto: guai a sottovalutare l’impegno. L’ultima volta senza il Matador finì malissimo, sul campo del Genoa. E anche il Cagliari, costretto a muovere la sua classifica dopo il tracollo di Siena, farà di tutto per rendere la vita difficile a Lavezzi e compagni. Difesa a cinque e possibile cambio di modulo, per i sardi. Ballardini vuole imitare le altre piccole e ha preparato un bunker per il San Paolo. È il tipo di partita che di solito risulta indigesto al Napoli, mai a suo agio negli spazi stretti. Proprio per questo sarà fondamentale il ruolo di Lavezzi, che è il migliore degli azzurri nel dribbling e si è finalmente scoperto anche cannoniere, segnando a ripetizione. Al Pocho, arrivato a quota 7 in campionato, manca solamente un altro gol per uguagliare il suo primato personale di reti in serie A. Motivo in più per andare all’assalto pure della porta del Cagliari, contando sulle qualità tecniche di Pandev, che ha già mostrato al San Paolo di saperci fare come uomo assist e pure come goleador (cinque centri). Toccherà alla nuova coppia di gemelli trascinare la squadra e magari assicurare una serata di totale relax a Cavani, peraltro pronto a dare un aiuto dalla panchina se ci sarà bisogno di lui. E non è da escludere una staffetta, risultato permettendo. I 40 mila di Fuorigrotta si potrebbero godere Lavezzi nel primo tempo e il Matador nella ripresa. Entrambi avrebbero modo così di fare un buon rodaggio per il Chelsea, senza spendere eccessive energie. Ma bisognerà prima fare i conti con il Cagliari e non sarà un test di allenamento. De Laurentiis ha infatti avvisato tutti. «La squadra di Cellino è molto insidiosa, non c’è da fidarsi. Attenti ai cali di concentrazione: è proprio con queste rivali che rischiamo di più», ha detto alla vigilia il presidente, confidando in Mazzarri. «È un grande valorizzatore e resterà con noi, altro che Inter». Per l’allenatore, che spera d’essere in panchina a Londra grazie a una sospensione della squalifica, è un’altra chance per riavvicinare il terzo posto. Ritornano Aronica, Zuniga e Inler, costretto a fare gli straordinari per la squalifica di Dzemaili. A centrocampo le scelte sono quasi obbligate. Donadel chiederà oggi alla società l’ok per operarsi martedì in Germania. Proprio mentre il Napoli volerà in Inghilterra per la sfida dell’anno. Prima, però, ci sono i 90’ di stasera, che possono valere il record e un altro passo avanti in classifica. Guida il Pocho, ieri scatenato su Twitter. «Auguri a tutte le donne, specialmente alle mie tifose ». Pronta la dedica per un altro gol: stavolta rosa. A colorare la notte d’azzurro penserà il San Paolo.
FONTE: REPUBBLICA
PdM

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©