Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA VERITA'

Repubblica: Lavezzi, stressato, ha chiesto aiuto


Repubblica: Lavezzi, stressato, ha chiesto aiuto
09/08/2011, 10:08

Lavezzi, un nome due storie. Gira in superficie quella del nottambulo irriducibile, che tira l’alba nei locali più famosi e kitsch della Costa Smeralda. Lui che sbarca nell’aeroporto di Olbia che sembra un’astronave, mano nella mano con la bionda Yanina. Lui, che rialza la tensione tra presidente e allenatore proprio sulle sue vacanze, e rischia di essere ceduto. Lui che beve e balla, lontano dai compagni sbucciati dalla fatica sotto il sole di Castel Volturno, poi sviliti da risse e sconfitta con il Siviglia. L’altra storia è stata nascosta. È tenera, peccato. Un padre che torna da un’estate disperata nel freddo australe di Rosario. Separato, in lite astiosa con la moglie Deborah, gli è stato negato di vedere Thomas, magari per un minuto. Thomas è il suo bambino. Storia vera, penosamente diffusa, quanti come Lavezzi?
La verità spunta a Porto Cervo, la confida Lavezzi ad un amico incontrato al Billionaire, locale di lusso eccessivo che apre le porte ai petrolieri russi, talvolta anche al cattivo gusto, veline e aspiranti veline, personaggi del Grande Fratello. Una struttura a tre livelli sospesa tra le rocce e il golfo del Pevero. Qui Lavezzi incrocia il giro del “Giannino”, ristorante di Milano, e del “Fresco”, locale napoletano di tendenza a due passi dal Duomo. È scortato da Paolo Chiparo, erede di Lele Mora, nella suo “Star management” da Antonio Zequila a Valerio Merola, da Catrina Davis a Eva Henger a Jennifer Rodriguez, altre stelline in cerca di notorietà. Chiparo lo accompagna. Concede solo due foto: con “Fefè del Grande Fratello”, Fabiano Reffe, a Frosinone turbato da un fastidioso rinvio a giudizio, sfruttamento della prostituzione.
La seconda ad un imprenditore della zona vesuviana in Sardegna, Carmine Esposito, “My Love”. È pronto a giurare che «Lavezzi era lucido, educato, felice di ballare in maniera composta con la ragazza bionda e beveva analcolici». Dimentica solo di riferire che con Yanina Screpante sgranava il rosario. Quando si dice, un amico.
Il Napoli, filtrando la verità, ha creato un caso. Non aveva informato bene neanche De Laurentiis che il 4 agosto esplode in tv. Lavezzi era arrivato la mattina. Gela l’inviato di Sky. «Doveva venire con noi, con la squadra primavera in Trentino per allenarsi. Dove ci sono tutti i nostri a sua disposizione. Invece». Invece? «Va con il preparatore a Portorotondo». Una pausa. «A Portorotondo? E io, io li ho mandati a cagare» Sembra un no invalicabile.
L’indomani si legge qualche titolo a tutta pagina. «Per Lavezzi tensioni tra De Laurentiis e Mazzarri». Seguono silenzi imbarazzati, poi due notizie. Il viaggio di Lavezzi a Porto Cervo, in palese contrasto con la diversa destinazione indicata dal presidente.
Quindi le notizie di “Libero” sulla “notte brava di Lavezzi tra gin tonic e ballerine adoranti sui divanetti del Billionaire”. Ma com’era andata? Il 4 agosto Lavezzi torna dall’Argentina. A Castel Volturno si allena. È asciutto, in peso forma. Strano, ricordando le spiate della bilancia nelgentina è ormai inverno. Giugno e luglio sono i due mesi più freddi, tra 10 e 15 gradi a Rosario, 300 km a Nord di Buenos Aires, con un porto investito dai venti umidi del fiume Paranà. A Castel Volturno si è allenato nel caldo, 34 gradi. Brusco impatto. «Vorrei andare in un posto di mare a riposarmi, ma anche lavorare. Datemi un preparatore, lo pago io, uno che mi controlli e mi aiuti, due allenamenti al giorno, ma voglio rimettere anche la testa a posto».
A Mazzarri sembra molto teso, provato. Gli dice sì. Lavezzi, riferiscono gli amici a Porto Cervo custodi del suo segreto, giura a Mazzarri che non dimenticherà questo favore, che a Barcellona ci sarà, e sarà già in forma. «Ho solo bisogno di respirare». D’accordo, Lavezzi e Mazzarri si salutano con un abbraccio. L’allenatore in questi casi dice: «Lavezzi va gestito così, bisogna capirlo». Un patto leale tra uomini. C’è tutto questo, soltanto questo, dietro una vicenda che ha scatenato l’ira del presidente, l’imbarazzo di Mazzarri, lo sconcerto dei nuovi compagni, lo sdegno di alcuni tifosi, la difesa eccitata di altri, i rischi di cessione per Lavezzi. Ma non si poteva dire tutto e subito? Gran teatro Napoli: se non ci sono drammi, tacendo li crea. Lavezzi, dopo la doccia, parla con Mazzarri, sono presenti il direttore generale Marco Fassone, il collaboratore più fidato di Mazzarri, il direttore sportivo Riccardo Bigon, un’altra persona. È Lavezzi che chiede aiuto. Viene da un’estate terribile, dice, ha sofferto in Coppa America come calciatore ma anche come uomo. La moglie non gli ha dato pace. «Non ho potuto vedere Thomas, mai». È stressato.
FONTE: REPUBBLICA

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©