Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

IN 10 MILA ALL'ALLIANZ?

Repubblica: "Monaco, sarà invasione azzurra"


Repubblica: 'Monaco, sarà invasione azzurra'
02/11/2011, 10:11

Erano un centinaio, ieri mattina, ad accogliere il Napoli all’aeroporto di Monaco. Ma stasera saranno molti di più, sulle tribune dell’Allianz Arena: almeno 10 mila, secondo le ultime stime ufficiose. Una vera e propria invasione, che in Baviera ricorda quella di 22 anni fa, per la semifinale di Coppa Uefa. Gli azzurri, in una notte di aprile indimenticabile, buttarono fuori dell’Europa il Bayern con una meravigliosa doppietta di Careca, gettando le basi per il trionfo nella finale con lo Stoccarda.
Ora il duello contro i tedeschi si ripropone nella Champions. L’amarcord è un alleato in più. Mazzarri deve aggrapparsi a tutto, perché la sfida di stasera ha nel Bayern un chiaro favorito. La squadra di Heynckes, soprattutto in casa, è una inarrestabile macchina da gol: ne ha segnati già 33 e subito solamente uno, in questa stagione, tra Bundesliga ed Europa. Ma gli azzurri hanno dalla loro parte una sorprendente statistica, che sembra fatta apposta per fare coraggio a Cavani e compagni. Dai numeri, infatti, emerge che il Napoli ha un feeling speciale con la Coppa dei Campioni: 3 successi e 5 pareggi nelle ultime 8 partite, per una imbattibilità nella principale competizione europea che dura da ben 24 anni. L’unico ko risale allo storico debutto del 16 settembre 1987, contro il Real Madrid al Santiago Bernabeu. Da allora è cominciata la striscia positiva: nessun altro rivale, dall’Ujpest Dozsa allo Spartak Mosca, dal Manchester City al Villarreal e allo stesso Bayern (nell’andata al San Paolo) è più riuscito a spezzare l’incantesimo.
Il rimpianto del Napoli è non averla frequentata troppo, la Coppa dei Campioni. Ma quando è riuscita ad arrampicarsi fin lassù, tra le grandi d’Europa, la squadra azzurra ha sempre recitato la sua parte degnamente. Più che mai nella edizione in corso, che sta regalando ai tifosi azzurri delle soddisfazioni enormi e in parte inattese.
Per la rifinitura di ieri sera, in cui Mazzarri ha sciolto gli ultimi dubbi sulla formazione, si è fatto vedere in tribuna pure De Laurentiis. Il presidente, rimasto in silenzio, gradirà la scelta del suo allenatore di rinunciare al turnover. In campo andranno tutti i titolari disponibili, con le uniche eccezioni dello squalificato Cannavaro e di Gargano, in via di recupero dopo il problema muscolare. Al loro posto il giovane argentino Fernandez e Dzemaili. Risolto a favore di Zuniga il ballottaggio a metà campo con Dossena. In panchina ci sarà Pandev, nel doppio ruolo di bomber di scorta e talismano. Lui è uno che sa bene come si segna e si vince a Monaco. Fu proprio il macedone, negli ottavi di finale della scorsa edizione, a buttare fuori il Bayern dalla Champions League, con la maglia dell’Inter. Cavani, Lavezzi e Hamsik hanno assai apprezzato i suoi consigli.
Ma il Napoli farà bene ad ascoltare pure le parole di De Sanctis, uno dei più esperti del gruppo. «Firmare per il pareggio? Macché, in queste gare bisogna sempre puntare al massimo, altrimenti si parte già sconfitti. Mi auguro che la mentalità sia giusta sin dal fischio iniziale, non ci possiamo permettere dei cali di concentrazione, specie nei primi minuti», ha messo tutti sull’avviso il portiere, già decisivo all’andata. «Finora il bilancio è positivo: possiamo puntare alla qualificazione. Dipende tutti da noi». I 90’ di stasera saranno decisivi. Agli azzurri serve un’altra notte da Champions.
FONTE: REPUBBLICA

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©