Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

CHE STADIO, CHE BILANCIO!

Repubblica: "Napoli, Bayern modello da seguire"


Repubblica: 'Napoli, Bayern modello da seguire'
18/10/2011, 10:10

Il Napoli non lo sa, ma stasera incontra il suo futuro. De Laurentiis ha studiato finora il Barcellona e i due Manchester, per carpirne i segreti. Ma le sue idee di calcio nuovo portano a un solo modello nel mondo: Bayern di Monaco, il club più avido e saggio negli affari. Domina intanto la Bundesliga, 32 reti in 14 gare ufficiali, la sua rete è sgonfia da 1.108 minuti
Il Bayern è ancora più forte quest’anno. Ha speso proprio come il Napoli 40 milioni in acquisti, ma i suoi giocano: il portiere Neuer dallo Schalke 04 (milioni 22) e il difensore destro Jerome Boateng, fratello del milanista. È tornato, a 66 anni, il signore delle panchine tedesche: Jupp Heynckes, eliminato da un altro Napoli. Semifinale di Coppa Uefa (2-0 a Napoli, 2-2 a Monaco) nella stagione 88-89. Trovò un Napoli fresco campione d’Italia, con Maradona e Careca, guidato peraltro da Ottavio Bianchi, uno dei maestri della tattica in Italia.
Le strutture del colosso di Monaco e lo stesso calcio tedesco coincidono con gli obiettivi di De Laurentiis. Si batte per una riforma del sistema calcio. In quella tedesca il Bayern naviga felice. Solo 36 club in due tornei (Bundesliga A e B) per i professionisti. Contro i 132 in Italia e i 92 in Inghilterra. Non disperde risorse, il calcio tedesco ha fatturati molto alti: Il Bayern 172 milioni, escluse le tv, con i soli sponsor e merchandising. Pensate: il Real Madrid è secondo con 129, il Manchester United terzo con 122. Le milanesi sono distanti: 56 il Milan, 34 l’Inter, una ventina il Napoli.
Sono invece modesti i proventi tv, in Germania: 34 per cento del fatturato totale, in Italia oscillano nei club tra 63 e 70. Ma sono inversi i dati del botteghino per il Bayern. Il Napoli non supera il 20%, pur avendo molto pubblico. Ma la Germania ha gli stadi pieni al 93%, il Bayern al 99. Grazie agli impianti confortevoli, rifatti per i mondiali del 2006. In Italia la media è del 47%. Il calcio tedesco è più florido e longevo perché può sopravvivere alle televisioni. Per l’Italia sarebbe il tracollo.
Questi dati confermano la qualità del progetto De Laurentiis: si batte per una legge sugli stadi, il restauro del San Paolo frequentato senza bandana arancione anche dal sindaco de Magistris è uno snodo cruciale. Quello dell’Allianz è da sogno, con parcheggio sotterraneo per 8 mila auto e 30 mila nelle adiacenze. A Fuorigrotta è urgente un restyling. Attività indotte come botteghe del tifoso, locali del tempo libero e del benessere, altre attività indotte promettono denaro, quindi calciatori più importanti ed un Napoli sempre più lanciato verso le vette del calcio europeo.
Il bilancio, infine: il Bayern ha 30 milioni di attivo, il Napoli è in saldo positivo da 4 anni. Tutt’e due lasciano bassi gli ingaggi, il Bayern solo il 55% degli incassi, al contrario delle milanesi e della Juve che chiudono con un disavanzo di oltre 70 milioni ciascuno. Se l’Italia vende all’estero i gioielli del campionato (l’Inter Eto’o, l’Udinese Sanchez, il Palermo Pastore) un motivo c’è: la decadenza di un sistema economico dissennato e una scarsa cultura di impresa. Quello che De Laurentiis contesta ora in forme finalmente levigate dopo le piazzate estive. Fatale che leitaliane perdano quota nelle coppe europee.
L’equilibrio della sua gestione rende autorevole il Napoli, club riemergente in Europa, come testimonia un agente napoletano che opera spesso all’estero, Filippo Fusco, in contatti costanti con il calcio tedesco. Stessa credibilità deve darsela il Napoli. Il pari di Manchester e la vittoria nitida con il Villarreal ne fanno già la rivelazione del terribile girone di Champions. Stasera può anche liberarsi di un complesso: soffre gli avversari che schierano una sola punta. E sono formidabili i tre della seconda linea: Muller, Kroos e Ribery. Che ha studiato Mazzarri di nuovo? Ancora difesa a tre? E i campioni Cavani, Hamsik e Lavezzi, sono pronti? Gioca il Napoli ma l’Europa guarda quei tre.
FONTE: REPUBBLICA

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©