Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

"LA GARA DELL'ANNO"

Repubblica: "Napoli, ecco l'ora della verità"


Repubblica: 'Napoli, ecco l'ora della verità'
05/12/2011, 12:12

I posti rimasti in palio sono soltanto 1700, ma i tifosi del Napoli in partenza per la Spagna sono perlomeno quattro volte di più. La maggior parte ancora senza biglietto. I primi 500 erano già andati a ruba sul web, giovedì scorso, dopo una lotteria del clic che ha premiato i più veloci. E fortunati. Agli altri non resta che mettersi in fila, ai botteghini numero 1, 3 e 5 dello stadio San Paolo: a partire dalle 10 di stamattina. Si annunciano file chilometriche. Il club proverà a disciplinarle con 150 steward. Ma resta forte l’allarme da parte delle forze dell’ordine, dopo la confusione e i disordini alla vigilia delle altre trasferte europee di Manchester e Monaco. Il viaggio a Vila-Real è addirittura più ambito, con la squadra di Mazzarri ormai a un passo dalla qualificazione per gli ottavi di finale di Champions, che diventerà matematica in caso di vittoria nei 90’ di dopodomani sera.
«Sarà la partita della vita: siamo pronti a fare il massimo», ha dato la carica Pandev, la riscoperta più piacevole delle ultime due partite. «Passare il turno sarebbe davvero un risultato storico, per il Napoli».
Su Twitter ha iniziato a riscaldarsi anche Lavezzi. «Andremo in Spagna per centrare il nostro traguardo, con fiducia».
Cavani si è invece ispirato a Mazzarri. «Dovremo scendere in campo come ci chiede il nostro allenatore: per giocare una finale», ha lanciato la sfida il Matador, che si è rimesso a segnare con il ritmo della passata stagione. Dopo la doppietta contro il Lecce è balzato a quota 11: sette in campionato e altri quattro in Champions League. «Ma conta molto di più che la nostra squadra sia tornata alla vittoria ».
Ha finalmente funzionato pure il turnover, aspettando il recupero di Britos e Donadel. «La mia prima rete è stata una bella gioia, dopo alcune prestazioni sotto tono. Era il momento di dare un segnale», ha ammesso Dzemaili, tirando un sospiro di sollievo.
Felice pure Fernandez. «E ora forza azzurri». L’ora della verità è vicina: l’avvertono anche i giocatori.
Per la Spagna sono pronti a partire una decina di charter e una nave, diretta a Barcellona. Ma potranno imbarcarsi solo i tifosi in possesso del biglietto. Pochi, rispetto alle richieste. Il Napoli ha cercato invano di chiederne altri al Villarreal: risposta negativa, nonostante i rapporti amichevoli tra le due società, già avversarie nella passata stagione in Europa League. Stavolta l’importanza della posta in palio è molto alta, però. E lo stadio tutto azzurro, con i padroni di casa già eliminati, non sarebbe piaciuto all’Uefa e al Manchester City. Ufficialmente, dunque, i tifosi al seguito della squadra di Mazzarri saranno solo 2200. In tanti, però, troveranno lo stesso il modo per imbucarsi in altri settori del Madrigal, oltre a quello riservato agli ospiti. Ha proprio ragione Pandev: è la partita dell'anno.
FONTE: REPUBBLICA

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©