Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

RINCALZI NON ALL'ALTEZZA

Repubblica: Napoli, il turnover fa di nuovo danni


Repubblica: Napoli, il turnover fa di nuovo danni
30/01/2012, 10:01

Ha fatto di nuovo danni il turnover, nonostante il dignitoso esordio di Britos in difesa. Non sono stati invece all’altezza della situazione gli altri rincalzi mandati in campo a Marassi da Walter Mazzarri. Sotto tono specialmente Pandev, apparso a disagio nella posizione di centravanti con le spalle alla porta. Spento Zuniga. La musica è cambiata di colpo nella ripresa con l’ingresso di Cavani, che ha dato la scossa ai compagni con la rete che ha accorciato le distanze. E subito dopo è arrivato anche il 3-2, di Lavezzi. Ma ormai era troppo tardi e la riscossa del Napoli si è conclusa qui, per l’amarezza dei duemila sostenitori al seguito. Bella comunque l’atmosfera sulle tribune di Marassi, nel trentesimo anniversario del gemellaggio tra le due tifoserie. Per oltre un’ora, però, si sono divertiti solo quelli del Genoa, che è scappato avanti di tre gol con le magie di Palacio e una stoccata da opportunista di Gilardino. Il black-out della difesa azzurra è stato totale. Pomeriggio da dimenticare per Cannavaro, costretto a lasciare il campo a metà gara per un infortunio. Il capitano salterà quasi certamente la sfida di mercoledì sera al San Paolo contro il Cesena, nel turno infrasettimanale del campionato. Colpa di una botta alle spalle subita da Mesto, non punita dal mediocre arbitro Rocchi. Ci si è messo pure lui a complicare il pomeriggio di Mazzarri, ignorando un evidente fallo di Moretti nel contropiede per la terza rete rossoblù. Un alibi troppo fragile, peraltro. Il Napoli s’era già rovinato la vita da solo, prima ancora dell’errore del direttore di gara. Il turnover è stato per l’ennesima volta un salto senza rete. Dzemaili, nel ruolo di regista, ha fatto sentire la mancanza perfino dell’incerto Inler degli ultimi tempi. E Pandev non è stato all’altezza della sua ritrovata fama. Le seconde linee azzurre non stanno rispondendo alle aspettative di Mazzarri: è un dato di fatto. D’accordo per le coppe, ma De Laurentiis non si attendeva un rendimento così scadente in campionato. Non è riuscito a lasciare il segno nel quarto d’ora finale neppure Edu Vargas: il fiore all’occhiello della sessione in corso del mercato. Può darsi che nelle prossime ore ci sia bisogno di qualche altro ritocco. Il caso più spinoso riguarda Donadel, che non è stato convocato nemmeno per la trasferta di ieri e potrebbe andare via. Si parla di un ritorno in prestito dalla Juve di Pazienza. In bilico pure Aronica, mandato in tribuna e ancora in attesa del rinnovo del contratto. Bisogna provarle tutte: Champions e Coppa Italia possono ancora rendere molto positiva la stagione. A patto di non sbagliare più. Mercoledì sera gli azzurri dovranno guardarsi da un Cesena quasi disperato e affamato di punti. Mancherà Lavezzi, ammonito ieri per una spallata a Mesto punita con l’ammonizione: era diffidato, verrà certamente squalificato per un turno.
FONTE: REPUBBLICA

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©