Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

ALLE 12 SORTEGGIO A NYON

Repubblica: "Napoli, mezzogiorno di fuoco"....


Repubblica: 'Napoli, mezzogiorno di fuoco'....
16/12/2011, 09:12

Ruota tanto intorno al sorteggio di stamattina a Nyon (ore 12), nella sede svizzera dell’Uefa. È un mezzogiorno di fuoco, in cui il Napoli scoprirà innanzitutto il nome del suo prossimo avversario in Champions League, negli ottavi di finale. L’attesa è enorme e le alternative possibili sono soltanto sei: Barcellona, Real Madrid, Chelsea, Benfica, Arsenal e Apoel Nicosia, in ordine decrescente di difficoltà, sia pure teorica. Ma c’è in gioco anche il futuro del club azzurro, perché il verdetto dell’urna orienterà le strategie di De Laurentiis sul mercato e di Mazzarri in campionato, per forza di cose condizionate dal prossimo impegno in Europa. Se salterà fuori un rivale non insuperabile, infatti, la Coppa continuerà ad avere un’importanza prioritaria in campo e fuori, con almeno un paio di conseguenze immediate. Il presidente sarà più stimolato a rinforzare già a gennaio la squadra, anticipando qualcuno degli acquisti previsti per giugno. E l’allenatore, come ha fatto finora, continuerà a mettere davanti a tutto il traguardo internazionale, dando precedenza assoluta alla possibile qualificazione ai quarti. È quasi banale sottolinearlo, ma tra Barcellona e Apoel Nicosia passa una differenza abissale. Con i catalani (e col Real Madrid) il Napoli andrebbe infatti a misurarsi specialmente per il prestigio, contro i ciprioti invece con concrete chance di passare il turno. A metà strada le altre alternative, con inglesi in difficoltà come Arsenal e Chelsea (meno forti del City) e una squadra emergente come il Benfica, già affrontato in Europa League dagli azzurri ai tempi di Reja. Andarono avanti i portoghesi nonostante il ko (3-2) subito all’andata al San Paolo, poi cancellato grazie al 2- 0 allo stadio Da Luz, nel ritorno. Sarebbe dunque una rivincita, per Lavezzi & C. Il Napoli è una delle quattro squadre debuttanti (con Basilea, Zenit San Pietroburgo e Apoel) nella fase a eliminazione diretta della Champions. A conferma che gli azzurri hanno già compiuto l’impresa più importante. Ma un po’ di fortuna nel sorteggio non guasterebbe e saprebbe pure di compensazione, dopo la terribile estrazione di fine agosto che spedì Mazzarri e i suoi giocatori nel girone della morte, poi brillantemente superato. «Spero proprio di evitare Barcellona e Real», ha scritto ieri sul suo sito Hamsik, augurandosi che la ruota giri in po’. Più fatalisti i suoi compagni. «A questo punto non ci sono avversari deboli e una vale l’altra: tanto da qui alla fine le dobbiamo incontrare tutte», ha scherzato Aronica, ipotizzando un cammino europeo ancora lungo. Più pragmatico Inler. «Ogni possibile rivale è forte, tocca a noi offrire grandi prestazioni e puntare al massimo risultato con chiunque», ha detto lo svizzero, senza trascurare però il campionato. «Ora ci dobbiamo concentrare sulla classifica, per recuperare posizioni». Aronica e Inler sono stati ieri i testimonial del lancio del nuovo calendario del Napoli, presto in tutte le edicole.
Dopo il sorteggio di stamattina, però, l’attenzione della squadra dovrà spostarsi in fretta sulla sfida di dopo domani sera con la Roma, al San Paolo. I tifosi hanno dato l’esempio: 17 mila biglietti già venduti. Fino a febbraio (14, 15, 21 e 22 le date possibili per l’andata degli ottavi) gli azzurri hanno la possibilità di mettere da parte la Champions e puntare forte sul campionato. Niente turnover, per un po’. Nel posticipo contro i giallorossi Mazzarri punterà sui “titolarissimi”.
Ma qualche cosa si muove sul mercato, per integrare la rosa. Il Napoli sta provando a bruciare tutti sul tempo per l’attaccante Eduardo Vargas, 22 anni, la nuova stella del calcio cileno. Il capo degli osservatori Micheli è a Santiago del Cile per formalizzare l’offerta di De Laurentiis. C’è il rischio di un’asta, però. Il rivale più pericoloso è l’Arsenal.
FONTE: REPUBBLICA

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©