Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Riccardo Russo ancora il miglior rookie nella classe 125 del Civ


Riccardo Russo ancora il miglior rookie nella classe 125 del Civ
11/06/2009, 09:06

Il presente delle competizioni è sempre più con motori a quattro tempi, ma ancora oggi la classe 125 conserva intatto il suo fascino, ed è l’unica nave scuola per chi vuole essere domani  protagonista. A Vallelunga in occasione della prova del campionato italiano velocità il giovane Riccardo Russo, seppur infortunato dopo una caduta nelle prove di giovedì, grazie al nono posto al traguardo conserva la nona posizione in classifica generale, e la tuta virtuale di miglior rookie. “Nel primo turno di prove libere – racconta il casertano del team Ellegi Racing – ero nel curvone in sesta piena a  quasi 230 km/h, quando perdo il controllo della mia Aprilia e scivolo. Le botte prese alla caviglia destra ed alla testa mi hanno costretto a saltare il secondo turno di prove. Grazie agli antidolorifici riesco a fare le qualifiche e spunto il ventesimo tempo”. I piloti sono creature strane, che riescono a trasformare il dolore in un motivo in più per andare più forte: “Spente le luci rosse – spiega – non ho provato più fastidio, ed ho spinto subito forte. Dopo il primo giro ero già ottavo, ed al sedicesimo passaggio addirittura sesto. A due tornate dal termine ho avuto un calo, ed ho preferito non rischiare, e così mi sono accontentato della nona posizione”. I sette punti racimolati da Russo sono come oro colato, in un campionato difficile, dove tutti lottano con il coltello tra i denti: “Sono soddisfatto – dice – perché per come si erano messe le cose non pensavo di conservare la posizione in campionato. I complimenti che ho ricevuto nel dopo gara da alcuni dei miei avversari mi hanno riempito il cuore di gioia, e ringrazio gli uomini del team, sempre lì a confortarmi ed a caricarmi. La prossima prova per fortuna si terrà tra un mese sulla pista del Mugello, così avrò tutto il tempo per recuperare e ritornare ad essere competitivo”.

Commenta Stampa
di Alfredo di Costanzo
Riproduzione riservata ©