Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Riccardo Russo carico per il round del Campionato Europeo Velocità di Misano Adriatico


Riccardo Russo carico per il round del Campionato Europeo Velocità di Misano Adriatico
08/06/2011, 12:06

Il Campionato Europeo Velocità farà tappa questo fine settimana sulla pista di Misano Adriatico. I piloti italiani sono molto carichi perché giocheranno in casa, davanti ad un pubblico che sarà di sicuro numeroso, caloroso, e schierato tutto per le frecce tricolori. Chi vuole fare una bella figura al Misano World Circuit, magari salendo su uno dei gradini del podio della classe 600 Stock, è Riccardo Russo. Il ragazzo di Caserta è l’alfiere del Moto Club Piccole Pesti, ed ha tanta voglia di riscattare la scivolata di Monza, rimediata in occasione del secondo round del Civ: “La caduta – spiega Bad Ricky – è stata frutto sia della sfortuna, sia della mia eccessiva foga. Fino alla curva Parabolica ero secondo, ma una sbandata in uscita di curva mi ha fatto perdere il controllo della moto. Ora però ho la possibilità di rifarmi, perché saremo su quello che è il mio tracciato preferito. Abbiamo ancora dei piccoli problemi da risolvere con il comportamento dell’anteriore, ma ho fiducia nei tecnici, e mi sento molto carico”. Il mese di giugno vedrà Russo impegnato sempre per il Cev il 19 sul circuito di Aragon in Spagna, mentre il 25 ed il 26 sarà di nuovo a Misano, per la doppia sfida del Civ: “In ambito europeo – dice – l’obiettivo è concludere nei primi cinque della classifica generale. Mi penalizza la non conoscenza delle piste, ma se penso che Ben Spies ha vinto un mondiale Sbk in condizioni più difficili della mia, capisco che quello che conta alla fine è sempre come apri il gas. Una volta ritornato Italia mi piacerebbe replicare, con una doppietta, il successo ottenuto proprio sull’asfalto romagnolo, in occasione della prima prova della stagione. Ho la fortuna di gareggiare per il Team Italia, a mio parere il migliore, e il clima che si respira all’interno del box è quello giusto. Un domani mi piacerebbe sfidare i mostri sacri della Motogp, ed il cammino che porta alla realizzazione del mio sogno, ha come ostacoli da superare le prossime sfide”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©