Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Riccardo Russo da promessa a realtà


Riccardo Russo da promessa a realtà
28/09/2009, 17:09

L’ultima prova della classe 600 Stock della Mototemporada Romagnola disputata sul circuito Santamonica di Misano, ha lanciato il talento del giovane pilota Riccardo Russo. Il casertano, alla seconda competizione in sella ad una moto quattro tempi, ha colto un ottimo quarto posto. Va detto che per Russo il bottino poteva essere più cospicuo, perché la conclusione della gara è stata anticipata di due giri a causa della scivolata di un pilota, proprio quando Riccardo occupava la seconda posizione. La classifica valida per l’assegnazione dei punti è però quella della tornata precedente, quando Russo era quarto: “Va bene lo stesso – dice il sedicenne – perché mi sono divertito e mi sono trovato a mio agio sulla moto. Sono partito dalla seconda fila, ma già dopo un passaggio ero quinto. Al nono giro, quando è stata sospesa la gara, ero alle spalle del capofila Gianluigi Busiello, pronto ad attaccarlo. Mi consola che il mio passo era notevole, e che ho strappato un 1’42'000, crono a soli 50 millesimi dal giro veloce. Ringrazio il team Bike & Motor Racing che mi ha dato la possibilità di disputare questa gara”. Russo è impegnato nella classe 125 Gp del Civ, e il salto di categoria non lo ha spaventato: “La Yamaha R6 – spiega - che ho guidato nonostante fosse praticamente una moto di serie, mi ha permesso di esprimermi al meglio. Rispetto alle concorrenti, in particolare la Cbr, ha meno coppia in basso, ma l’allungo è fantastico. Mi hanno impressionato i pneumatici della Dunlop, perché permettono di spalancare il gas anche quando sei ancora tutto in piega. L’ho guidata come se fosse una 125, facendola scorrere molto nelle curve. Mi sorprende che con la 600 riesco a fare quello che faccio con l’ottavo di litro. Affronto il finale di stagione con serenità e con la voglia di fare bene alla gara Civ dell’11 Ottobre sulla pista del Mugello. Il mio futuro però sarà a quattro tempi”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©