Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Riccardo Russo punta ad una buona prestazione nella classe 600 Stock del Trofeo di Natale


Riccardo Russo punta ad una buona prestazione nella classe 600 Stock del Trofeo di Natale
25/11/2009, 16:11

Sul circuito “Piero Taruffi” di Vallelunga, si disputerà questo fine settimana la tredicesima edizione del Trofeo di Natale, organizzato dal Gentlemen’s Motor Club di Roma. Sulla pista laziale saranno in tanti, provenienti da tutto lo stivale, i piloti che vorranno mettere le mani sulla coppa del vincitore. Il Trofeo di Natale è diventato nel corso degli anni, l’appuntamento più importante che chiude la stagione agonistica, e chi ha tanta voglia di mostrare il proprio talento nella categoria 600 Stock, è Riccardo Russo. Il pilota del Moto Club Piccole Pesti, guiderà una Yamaha R6 allestita dal team Bike e Motor Racing di Teramo. Per Russo il 2009 è stato un anno pieno di soddisfazioni, e, a dispetto dei suoi diciassette anni, ha un approccio alle gare da veterano: “Ho disputato – racconta Riccardo – l’intero campionato del Civ nella classe 125 Gp, e, nonostante fossi un debuttante, è andata bene, con un nono posto in classifica generale. A metà anno, la voglia di provare una moto quattro tempi era forte, e grazie alla disponibilità dei ragazzi del Bike Motor Racing, ho potuto dire la mia alla Mototemporada, nella quale ho sfiorato il podio. E’ stato un bel risultato, perché prima di allora non avevo mai girato con una 600. Da un mese mi preparo in vista della gara di Vallelunga, in particolare sotto il profilo della resistenza fisica, visto il peso maggiore della moto. Il tracciato è uno dei miei preferiti, e le curve che mi piacciono di più sono le due Cimini e la Roma. Domenica in griglia ci saranno i piloti più forti della categoria, e per me sarà il primo banco di prova importante. Cercherò di trasformare in energia positiva tutta la grinta che ho dentro, e più che la posizione che avrò raggiunto al traguardo, per me conterà aver corso senza aver risparmiato nulla”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©