Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

IL CIUCCIO CHE VOLA

Rigore è quando arbitro fischia


Rigore è quando arbitro fischia
02/10/2011, 00:10

Dopo la schiacciante vittoria in Champions contro il Villareal, il Ciuccio vola a Milano, dove non vince contro l’Inter da 17 anni. Il 17 porta male, e il designato arbitro Rocchi non ne parliamo proprio. Ma in matematica meno per meno fa più, e la matematica non è un opinione.
Cavani non recupera dall’infortunio, Pazzini si. La coppia di commentatori Mediaset composta da Bruno Longhi e Aldo Serena fa più paura della coppia Pazzini – Forlan. Gli abbonati napoletani appendono corone di aglio sui televisori.
Al 1’ Bruno Longhi concede un calcio di rigore all’Inter per fallo di Maicon su Gargano. Rocchi stranamente non ratifica.
3’ Gesto tecnico deprimente di Forlan, che prova un tiro al volo alla Van Basten ma trova una conclusione alla Darko Pancev.
6’ “Sgambetto involontario” di un difensore dell’Inter in area su Pandev. Cit. “Bruno Longhi”. Anche la moviola soprassiede e non mostra il replay delle immagini.
10’ Mazzarri si toglie la giacca.
13’ Due calciatori del Napoli a terra a centrocampo, l’Inter prosegue l’azione, tiro di Forlan, fuori. Signori si nasce.
20’ Lo spirito di Garrincha si impossessa di Pandev, che dribbla tre avversari, ma poi crossa alla Waldir Perez.
21’ Inler tira un calcio di punizione degno del miglior Gargano. Mèta!
24’ Goal in fuorigioco di Pazzini. Rocchi annulla, il pubblico interista è incredulo. Vola un mini califfo dalla tribuna. Non è neppure assicurato.
36’ Lavezzi corre più veloce dei neutrini e delle cazzate della Gelmini. Chivu lo mette giù. Ammonito.
42’ Rigore per il Napoli per fallo fuori area di Obi su Maggio, ma rigore è quando arbitro fischia. Seconda ammonizione all’interista, che va fuori. Tira Hamsik, boato del covo di interisti nel palazzo di fronte per la respinta di Julio Cesar, ma subito dopo la terra trema! Campagnaro e tutta Napoli si catapultano sul pallone e tirano insieme, sfondando quella porta in cui in tanti anni erano entrati tanti goal irregolari dell’Inter contro il Napoli. Avere un rigore che non c’è a Milano da Rocchi è una goduria infinita, pari solo ad una visione in 3D della faccia di Moratti e dei dirimpettai nerazzurri con la faccia verde. Il rigore non c’è, ma chi se ne foooooootteeeeeee!!! Loro dovevano essere in B per passaportopoli, per tutti gli imbrogli che stanno emergendo dalle recenti intercettazioni, si sono presi uno scudetto a tavolino, rubando più della Juve. Robin Hood diceva che rubare ai ladri non è peccato e l’Inter ruba, senza soluzione di continuità, dai tempi di Robin Hood. Prescrizioni e patteggiamenti non cancellano gli imbrogli.
50’ Esce Ku Fu Pandev ed entra Bugs Bunny.
56’ Maggio brucia Nagatomo sullo scatto, pallonetto su Julio Cesar e Fuorigrotta  trema sebbene il Napoli giochi a San Siro. Dalla tribuna Puca cadono calcinacci dalla soffitta. Per fortuna siamo assicurati anche per gli eventi tellurici.
65’ Hamsik aggira la trappola del fuorigioco dell’Inter e serve Zuniga al centro dell’area che a porta vuota calcia in curva. Nel settore ospiti ci sono circa quattromila napoletani, ma una bestemmia in dialetto parte nopeo e parte milanese in tribuna è la prova che ci sono napoletani trapiantati a Milano mimetizzati in tutti i settori dello stadio.
76’ Passaggio filtrante di Lavezzi per Hamsik, che fulmina Julio Cesar e la resistenza interista. La bella Madunnina scende dal Duomo che vibra come una lavatrice che centrifuga i campioni del mondo in carica.
78’ Esordio in serie A di Chavez che subentra a Lavezzi. Nel frattempo sono entrati anche un paio di interisti, ma nessuno se n’è accorto.
85’ Bruno Longhi, imparziale commentatore Mediaset, regala un’ultima chicca: “Lavezzi è sparito dal campo”. E pe’ fforza… è stato sostituito da dieci minuti! Ma che stai commentando Ambrosiana Inter – Pro Vercelli? L'anno prosismo giuro che mi vedo le partite su Mediaset premium, ma in streaming.
E anche a San Siro si levano nell’aria le note di “Oj vita, oj vita mia…
Buon compleanno, Mister Mazzarri!

Commenta Stampa
di Gianni Puca
Riproduzione riservata ©